Sant’Agnello Promotion: Domenica al Viale dei Pini arriva l’Atheltic Poggiomarino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

 Un periodo difficile da affrontare, ancor di più se sfortuna ed infortuni ti costringono ad adottare soluzioni d’emergenza per schierare un undici che possa essere equilibrato ed allo stesso tempo in grado di non perdere quell’identità di gioco ancora in fase di costruzione. Questa in sintesi la situazione complicata a cui il Sant’Agnello Promotion ha dovuto far fronte in questo Novembre nero, dove l’inizio promettente di campionato ha lasciato spazio ad una vera e propria fase di assestamento, dovuto sia alla necessità di integrare in rosa tutti gli effettivi ora a disposizione, sia ad infortuni arrivati in sequenza che hanno spezzato un po’ quella continuità necessaria per crescere (vedasi l’infortunio di Trofa che in più di un’occasione ha salvato il risultato e dato sicurezza al reparto arretrato, oppure l’infortunio muscolare occorso a capitan Parlato metronomo del centrocampo nero-arancio). La gara interna pareggiata contro il San Gennarello, seconda forza del girone E, aveva fatto registrare una Promotion pimpante e brillante, in grado di esprimere anche un buon gioco offensivo, ma ha anche dato inizio ad un passaggio a vuoto durante il quale sono arrivate tre sconfitte contro San Vincenzo unitis, pro San Giorgio e Torres, rispettivamente quinta, quarta e terza forza di un campionato il quale vede in testa un San Marzano fermato sullo 0-0 al Viale dei Pini nella gara d’esordio in campionato, a dimostrazione del fatto che, con la rosa al completo, la formazione costiera può affrontare qualsiasi avversario. Domenica al comunale di Sant’Agnello (calcio d’inizio alle 14.30) per la settima giornata d’andata, arriva l’Atheletic Poggiomarino che si presenta con 9 punti in classifica ed uno score di 2 vittorie, 3 pareggi ed 1 sconfitta, una differenza reti di -2 con 5 goal realizzati e 7 subiti. Osservando con la lente d’ingrandimento questi dati, si vedrà come alla poca prolificità dell’attacco (a segno solo in casa) corrisponda una difesa che in trasferta ha subito 4 goal dimostrando una buona solidità del pacchetto arretrato. Questi elementi, dunque, fanno capire come l’aggressività in mediana unita al gioco offensivo e ben organizzato, potranno essere la chiave di volta per scardinare la difesa del Poggiomarino e riportare al successo la formazione costiera.

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!