Vico Equense 1958, beffa nei minuti finali

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

vico-calcioDopo lo scialbo pareggio esterno a Sant’Anastasia, il Vico Equense, forte anche delle mura amiche, era obbligato a fare bottino pieno.
Nella prima frazione però, di cattiveria agonistica, nemmeno l’ombra. L’unica azione degna di nota è del numero 10 dei padroni di casa.
Mosca si incunea nella difesa avversaria, ma il suo tiro finisce di poco a lato.
Il secondo tempo invece è piuttosto vivace, con grandi occasioni per entrambe le squadre. A rendersi per primo pericoloso è il Vico. Al 65′, Mosca, scatta sul filo del fuorigioco, ma a tu per tu con il portiere calcia clamorosamente a lato. Due minuti dopo, l’estremo difensore ospite, viene salvato da un intervento sulla linea di un suo compagno. Il tiro di Staiano era ormai diretto in rete.
Dopo le fiammate vicane, gli ospiti si fanno vedere, creando non pochi problemi ad Inserra. E’ proprio il n° 1 dei padroni di casa a salvare i suoi in più occasioni.
A cambiare la partita, ci pensa Trapani, subentrato dalla panchina, con un gol di rapina in area di rigore.
Quando ormai la vittoria sembrava in tasca, una disattenzione nel finale condanna i ragazzi di Mister Spano. L’arbitro infatti concede un calcio di rigore al Rione Terra. De Luca dal dischetto non sbaglia.
Il pareggio lascia l’amaro in bocca ai padroni di casa, raggiunti all’ultimo secondo quando i giochi sembravano già fatti. L’ 1 a 1 allontana sempre più il Vico dalla zona play-off che è già lontana 5 punti. Dopo un inizio a rilento, è già tempo di tirare le somme e l’imperativo per le prossime partite è ormai uno solo, vincere.

Vico Equense 1958 1 – 1 Rione Terra
Marcatori: 80′ Trapani (V), 93′ De Luca A. (R)

Vico Equense: Inserra, Staiano, Ostieri, Coppola, Raganati, Porzio, Staiano, Apuzzo, Balestrieri, Mosca, Romano. A Disp: Mosca V; Miccio, Fiore, Trapani, Borriello, Tirelli, De Simone. All: Spano
Rione Terra: Onofrio, Trapanese, Del Giudice, Tafuto, Ursomanno, D’oriano, De Luca A; De Luca L; Colandrea, Gioiello, Di roberto. A Disp: Del Giudice G; Imparato, Lanuto, Carnevale, Volpe, Arborino, Sacco.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!