Marcucci mata il Faiano: tra 7 giorni si replica per la semifinale play-off

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

sorrento_faiano8 su 8 per il Sorrento, che nel girone di ritorno non fa sconti a nessuno nell’inespugnabile fortino di Via Califano. L’ultima giornata della stagione regolare porta la firma del miglior marcatore del Sorrento: Errico Marcucci. Sguardo glaciale,  e rigore calciato con il killer instinct di chi non ha alcuna voglia di arrendersi. Faiano “matato” di misura grazie al 14° centro del bomber costiero, e tra 7 giorni si replica, stavolta in un match da dentro o fuori che non ammette passi falsi. La squadra è viva, pronta a sputare sangue e sudore in ogni allenamento per centrare l’agognato traguardo della Serie D.

L’avvio di gara è di marca rossonera, con Fontanarosa che inventa per Favetta abilissimo a ricevere spalle alla porta: con il fisico si fa strada all’interno dell’area piccola per poi trovare l’opposizione di Martinangelo al momento della conclusione. All’8’ il Sorrento sblocca il risultato. Favetta s’invola sulla sinistra e crossa trovando il braccio di Di Giacomo: il direttore di gara non ha dubbi e concede la massima punizione. Dal dischetto si presenta Marcucci, che con grande freddezza aspetta il primo passo del portiere per poi spiazzarlo con un destro implacabile. Passano soltanto 60 secondi e Senatore deve superarsi per respingere una sassata di Marcucci da distanza ravvicinata. Il Faiano replica con una conclusione di Chiangone dai 30 metri che non impensierisce più di tanto Pezzella. Quindi sale in cattedra Mansour, che dal vertice sinistro dell’area di rigore prima costringe l’estremo difensore rossonero a volare per togliere dall’incrocio una traiettoria molto insidiosa. Poi Pezzella ci mette i guantoni, per allontanare con i pugni un bolide dello stesso Mansour dalla solita mattonella. Al 38’ Favetta incorna su corner di Bolzan con la sfera che esce di un soffio alla destra del portiere biancoverde. La squadra di Maurizio Coppola prova ad affondare il colpo: Esposito Lauri allarga sulla sinistra per Vitale, gioco di gambe ad eludere l’intervento di Di Giacomo, e cross teso sul quale il portiere si avventa in presa alta anticipando il tap-in di Marcucci. Al 41’ il Faiano va vicinissimo al pareggio. Grieco si guadagna un calcio piazzato dai 25 metri, Anastasio tocca la sfera per lo stesso Grieco, e palla che si stampa sul palo alla sinistra di Pezzella.

Nella ripresa i rossoneri ripartono con veemenza: Favetta sfiora la gloria personale sovrastando Di Giacomo, con inzuccata imperiosa che fa la barba al palo. Senatore evita il peggio su una violenta bordata di Marcucci, mentre pochi istanti più tardi può solo ammirare il gesto tecnico di Favetta che sfiora l’incrocio dei pali. Al 56’ delizioso tocco di esterno griffato Vitale che lancia Favetta in progressione alle spalle della difesa: spiovente al bacio dove soltanto la perfetta diagonale di Martinangelo evita il raddoppio. Arpino fa valere la propria elevazione sugli sviluppi di un angolo calciato con il contagiri da Bolzan, con la sfera che esce sul palo lungo. Quindi la difesa biancoverde è attenta nel murare Favetta, mentre l’intervento in estirada di Imperiale si rivela determinante per anticipare Vitale già pronto a gonfiare la rete.

Il mister Maurizio Coppola analizza in sala stampa come rendere lungo il cammino nella fase post-season:

“ Il nostro approccio alla gara è stato perfetto per grinta e determinazione, visto che già nei primi 5/6 minuti abbiamo disposto di alcune occasioni importanti per sbloccare la gara. Quindi siamo passati a condurre grazie al calcio di rigore realizzato da Marcucci, mentre nell’ultima parte del primo tempo abbiamo permesso al Faiano di giocare maggiormente la palla, senza però quasi mai rischiare. Abbiamo poi disputato un’ottima ripresa, e se avessimo sfruttato meglio alcune ripartenze staremmo a parlare di un risultato ancora più rotondo. Non credo che il Faiano abbia potuto scegliersi l’avversario in semifinale: con tutto il rispetto per i biancoverdi, noi abbiamo valori tecnico-tattici diversi ed i nostri avversari hanno poi dato un segnale togliendo a 15 minuti dalla fine due calciatori importanti per i loro equilibri. Giocheremo i play-off per vincere, senza speculare sul fatto di poter disporre di 2 risultati su 3. Per imporsi sarà necessario il perfetto mix tra tecnica e tattica, ma soprattutto il giusto approccio mentale ”.

Il terzino Riccardo Bolzan ritiene che scendere in campo già tra una settimana può essere un valore aggiunto per non avere cali di tensione in vista del rush finale:

“Era fondamentale conquistare i 3 punti, a prescindere dalla prestazione che qualitativamente non è stata al livello di altre esibizioni davanti al nostro pubblico. L’obiettivo era concludere la stagione regolare al 2° posto, perché ci dà l’opportunità di giocare in casa le due gare di play-off, e viste le statistiche che ci han visto conquistare ben 41 punti sui 45 disponibili non è cosa da poco. Curiosamente affronteremo di nuovo il Faiano tra 7 giorni, stavolta in gara secca, e sarà una partita completamente diversa. Credo infatti che la gara di oggi sia poco attendibile in ottica play-off, perché entrambe le squadre hanno mischiato un po’ le carte. Per quanto ci riguarda avremo la possibilità di contare su risorse nuove, recuperando lo squalificato Savarese e l’infortunato Scarpa. Non fermarsi può rappresentare un punto di forza in ottica play-off nazionali, perché mantenere sempre alta la soglia della tensione agonistica aiuta ad essere sempre sul pezzo”.  

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  


SORRENTO – FAIANO 1-0

Rete: 8’ pt Marcucci rig.

SORRENTO (4-3-3) Pezzella; Ammendola, Arpino, Terracciano, Bolzan; Esposito Lauri (31’ st Paradisone), Vitiello, Fontanarosa; Vitale (40’ st Cioffi), Marcucci (17’ st Minicone), Favetta.
A disp: Santaniello, Gargiulo, Serrapica, Scarpa.
All: Coppola

FAIANO (4-3-3) Senatore; Pisacane (31’ st La Femina), Di Giacomo (23’ st Avallone), Imperiale, Martinangelo; Chiangone, Grieco (25’ st Erra), Anastasio; Ruggiero, Volpe, Mansour.
A disp: Ginolfi, Toscano R., Di Lucia, Saulle.
All: Turco

Arbitro: Pietro Ambrosino di Torre del Greco (Russiello/Columbro)

Note: Ammonito: Marcucci (S). Corner: 4-2. Recupero: 0’ pt, 4’ st.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!