Fortitudo basket Sorrento U16 Gold: A Pozzuoli altro KO

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
fortitudo u16Lo slogan della fase Gold dell Fortitudo Basket Sorrento U16 può essere identificato nella massima: ‘Ad Maiora’, a cose migliori che sicuramente sono state fatte in questa stagione e per il futuro ci sarà, ovviamente, solo da migliorare come lo stesso coach Cascella ci dice alla fine di una gara durissima in quel di Pozzuoli dove il terzo KO di fila scrive la parola fine alla possibilità di arrivare alle final four per i costieri:“Sono molto dispiaciuto perché la fase gold, una fase importante, che ci faceva capire quanto siamo cresciuti, l’abbiamo sfidata sempre non al completo tra infortuni, febbre e gite scolastiche nelle partite non dimostravamo il nostro valore. Purtroppo dobbiamo ancora crescere di mentalità e probabilmente questi risultati ce li meritiamo tutti. Ora nelle ultime due partite con la speranza che ci siano tutti, spero di concludere l’anno con l’orgoglio e con la nostra forza ma soprattutto al completo. Poi si inizia a lavorare anche per il futuro con la speranza che questi ragazzi abbiano ancora voglia di basket e non si sentano mai sazi”.
La, invece, fin dalle premesse è complicata con la Fortitudo che è costretta ancora una volta a giocare a ranghi ridotti e non al completo con le defezioni di Ercolano e Amato che si arrende alla febbre. Gli avversari dal canto loro partono subito forte con la grinta di chi ha il fattore casalingo a favore e piazzano subito un 9-0 di vantaggio che mette subito la partita in salita per i ragazzi di coach Cascella che reagiscono con un buon 0-7 di risposta e limitano i danni sul 20 – 10 alla fine dei primi dieci minuti. Nel secondo quarto si accende la spia dell’emergenza falli per la Fortitudo con Coppola e Gargiulo già a quota tre che rischiano di terminare la gara molto prima dell’ultima sirena; i padroni di casa ne approfittano e mettono il turbo per alzarsi fino al +20.
L’inerzia cambia nei minuti finali dove D’Amora inizia a giocare forte e Marulo in attacco mette i punti che chiudono la prima parte della contesa sul 37 – 21 per Pozzuoli. Il terzo quarto inizia con una buona reazione tattica della Fortitudo che con una zona 1-3-1 accorcia le distanze fino al -9 con i punti di Coppola e Gargiulo che poco dopo abbandonerà il campo per limite di falli. Da lì Pozzuoli trova la chiave di volta, la stanchezza ha la meglio ed i padroni di casa prendono il sopravvento chiudendo il match sul 70 – 41 finale.
(u16) Pozzuoli – Fortitudo basket sorrento 70-41
Parziali:(20-10 37-21 50-35)
Fortitudo basket Sorrento: marulo 6, forlani 5, gargiulo dario 2, gargiulo gianmarco, abagnale, amura, gargiulo giuseppe 13, sorrentino, sammartano, d’amora 2, coppola 11, maddaloni 2.
Francesco Vazza

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!