Una Gimel tutta cuore e grinta cede alla capolista

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

img_0502Una bellissima Gimel perde 1-3 contro la prima della classe
Nulla da fare per le bianco blu che escono sconfitte nel marco contro la capolista Battipagliese per 1-3.
Partita combattutissima, ricca di colpi di scena e divertente da vedere e da giocare.
Le padrone di casa partono fortissimo. La Castellano è mortifera in battuta: 8-0 tra ace, errori avversari e attacchi messi a terra.
Le ospiti sono confuse, soprattutto in ricezione, si affidano al cambio in regia per svoltare, ma ancora Castellano fa 10-0. I 10 punti di vantaggio servono alle ragazze di coach Terminiello per giocare in scioltezza. Sul 23-12 scatta un pelo di relax con una leggera ripresa avversaria e parziale che si chiude 25-17.
La partenza della Gimel è flash anche nel secondo set.
Lievita la compagine costiera che va 8-5. Sul 14-11 uno scontro sotto rete costringe la Castellano ad uscire per un infortunio alla caviglia. La giocatrice Metese, viene sostituita dalla Maresca.
La voglia di esserci spinge la giocatrice a stringere i denti e provarci, ma prevale il dolore.
Nonostante il difetto di formazione, le Gimelline non demordono e combattono strenuamente con grinta e caparbietà, arrendendosi alle più esperte colleghe solo nei punti finali: 20-22, 21-25.
Nel terzo parziale, sempre con la formazione rimaneggiata, Marciano e compagne sembrano non temere la prima della classe: si parte bene, 5-3 e Mastellone inanella una serie di ace 8-3. Le ospiti, però, non ci stanno e mettono giù palloni pesanti con pazienza e cattiveria, 12-12. Mastellone in attacco e Casa a muro illudono per il 14-12. Da lì qualcosa cambia. Sempre in vantaggio fino a quel momento, la Gimel perde brillantezza e lascia andare avanti le avversarie: 14-17. A poco valgono gli ottimi attacchi di Marciano e Incarnato, il set si chiude 20-25.
La partita si gioca anche sul piano psicologico: sguardi, esultanze, pubblico, arbitri. Il clima è davvero rovente, ma la partita resta intensa e corretta.
L’ultimo parziale inizia sulla falsa riga degli altri 3, le padrone di casa sempre in vantaggio, 7-4, danno spettacolo e non vogliono mollare. Aversa fa ben girare le sue giocatrici e Esposito dà sicurezza alla ricezione. Ma anche stavolta, le Santagatesi si lasciano andare a metà strada. Dal 15-15, le Gimelline vanno in svantaggio, 16-20, 18-23 e le ragazze di Coach Infante portano a casa set e partita sul 19-25.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!