4° Torneo delle Sirene, il mister rossonero Luca Morin: “Abbiamo vinto un torneo sempre molto competitivo ed intenso”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

luca-marinLuca Morin, allenatore del Milan, è soddisfatto per aver vinto il Torneo delle Sirene e mostrato al grande pubblico diverse stelle del domani.
“Abbiamo avuto una partenza un po’ titubante e timida, anche perché siamo stati costretti a rinunciare a diversi calciatori importanti rimasti a casa per infortunio. Ci siamo riassestati partita dopo partita, ed è stato necessario alzare l’asticella per superare le difficoltà presentateci da squadre locali che ci hanno dato lezioni sul piano del temperamento. Tutto ciò ci è servito per migliorare soprattutto sul piano dell’atteggiamento, fino a trovare gli equilibri giusti. La vittoria contro il Chelsea ci ha dato ulteriore consapevolezza nei nostri mezzi, ed in finale contro un’ottima Sampdoria siamo riusciti ad essere pratici, facendo una grande fase difensiva, sbagliando poco e ripartendo nei momenti giusti. Voglio fare i complimenti ai miei ragazzi, perché è stato un torneo molto impegnativo dal punto di vista fisico con tante partite giocate nello spazio di poche ore sotto un caldo sole primaverile. Kourouma è un ragazzo dotato di grande forza fisica: è chiaro che va aspettato, perché deve ancora migliorare dal punto di vista tecnico-tattico, ed è ancora molto istintivo. Speriamo di riuscire ad inquadrarlo quanto prima, perché ha indubbiamente grandi qualità. È stato un torneo splendido, molto competitivo ed intenso: a Sorrento ci scontriamo con realtà diverse rispetto a quelle che troviamo dalle nostre parti. Al Nord c’è più differenza tra realtà professionistiche e dilettantistiche, mentre qui esistono realtà ben attrezzate che presentano sempre 2/3 elementi da visionare direttamente in un territorio che è da sempre fucina e serbatoio di grandi talenti”.  

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!