Che Folgore! Espugnata Sabaudia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

img_0346È una Folgore bella, determinata e vincente quella che espugna Sabaudia per 3-1.
La compagine di mister Esposito parte a razzo: precisa in difesa, devastante in attacco.
scavato il gap con gli avversari si chiude in scioltezza.
Nessun calo di concentrazione nel secondo parziale.
Sabaudia cresce, i biancoverde restano con la soglia dell’attenzione a mille.
Si prosegue punto a punto sino alle battute finali. La Folgore riesce a scappare e chiude 22-25.
“Spettacolo qui”, queste le parole del Ds Ruggiero in corso d’opera dal palazzetto laziale, mentre i costieri scendono in campo per il terzo set.
La Folgore si inceppa. Sabaudia cresce e punto dopo punto scava un piccolo solco. Palmeri e compagni non ci stanno, si opta per la tattica formichina: punto su punto il divario diminuisce e i padroni di casa la chiudono con pathos.
È uno spumeggiante quarto parziale quello che regala alla Folgore i tre punti. Si arriva punto a punto sino a quota 21, poi i bianco verdi metodi la freccia e portano a casa la gara.
“Impresa doveva essere, impresa è stata”, così sulla pagina Facebook la società commenta il successo esterno.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!