“Slalom Nastro d’Oro”, poker di Venanzio

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

La diciottesima edizione dello “Slalom del Nastro d’Oro” è’ stata combattuta come ci si aspettava alla vigilia , ed ha visto un testa a testa emozionante tra i piloti più quotati. A spuntarla è stato di nuovo il campione  d’Italia in carica Salvatore Venanzio,che è salito sul gradino più alto del podio con un tempo formidabile: 1:35,27 aggiudicandosi per la quarta volta consecutiva la gara con il suo Radical Sr4-Suzuki. Alle sue spalle un altro beniamino di casa Luigi Vinaccia che si è piazzato a circa un secondo di distacco dal leader pagando alcune sbavature nella prima manche. A concludere il podio è stato Salvatore Castellano con un ritardo di circa tre secondi precedendo di poco il penta campione della specialità trai birilli Fabio Emanuele.

Una bella giornata di sport e motori, insomma, che, complice anche la bella giornata di sole, ha visto migliaia di appassionati assieparsi lungo i sinuosi tornanti del Nastro d’Oro, affacciati sui Faraglioni di Capri, per assistere alle evoluzioni al volante dei propri beniamini.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!