Il Sant’Agnello impone il pari alla Battipagliese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

breglia_nocBattipaglia. È un Sant’Agnello ammazza grandi quelli che esce indenne dal Pastena di Battipaglia.
La squadra di Nardo riesce ad imporre lo zero a zero alle zebrette reduci da quattro successi consecutivi.
Non è il primo scalpo importante, quello bianco nero, perché i costieri dopo il 2-2 al Sorrento, il pari del Dirceu e lo sgambetto al Faiano haanno reso ancora una volta oltre le aspettative.
Una piccola che si esalta con le grandi.
Un roster giovane che si farà.
Cronaca – Di Biase è protagonista in apertura di match con due conclusioni verso lo specchio della porta che non trovano il bersaglio grosso. Ci prova anche Campione al 13’ ma Belviso risponde presente. Robertiello è chiamato agli straordinari per chiudere le sortite offensive di Lauro prima e Scogliamiglio poi. L’ex piplet della Salernitana continua il suo momento di forma smagliante dopo la super prestazione di sette giorni fa ad Eboli. Quando non c’arriva lui è il palo a dare una mano alla Battipagliese respingendo la punizione velenosa di Breglia sul finire di primo tempo. Ad inizio ripresa i bianconeri tornano a spingere ma la mira dei vari Di Biase, Campione e del neo entrato Di Ruocco è sbilenca. Ancora Robertiello, poi, dice di no a Breglia. Occasione importante per Di Ruocco al 22’ ma Belviso copre bene il suo palo. Si arriva all’espulsione, per doppio giallo, di Sagarese che scompiglia le carte sul tavolo: il Sant’Agnello si difende con ordine, la Battipagliese perde i suoi punti di riferimento e non riesce a trovare più il bandolo della matassa. Bianconeri che comunque escono tra gli applausi dei propri sostenitori.

BATTIPAGLIESE 0
SANT’AGNELLO 0
BATTIPAGLIESE: Robertiello 6,5, Giannattasio 6, Sagarese 5, Siano 6,5, Fariello 6,5, Pastore 6, Doukourè 6, Marmoro 6 (dal 10’s.t. Di Ruocco 6,5), Campione 5,5 (dal 37’s.t. Consiglio 6), Guerrera 5,5 (dal 29’s.t. Vitiello 5,5), Di Biase 6. A disposizione: Primadei, Viggianello, Viscido, Rago. Allenatore: Salerno (Tudisco squalificato) 6
SANT’AGNELLO: Belviso 6, Buonomo 6, Breglia 7, Scala 6,5, Longobardi 6,5, Di Capua 6 (dal 31’s.t. Gargiulo 5,5), Nocerino 6, Veniero 6,5, Lauro 6,5, De Maio 5,5 (dal 12’s.t. Di Gregorio 5,5), Scogliamiglio 6 (dal 21’s.t. Siniscalchi 5,5). A disposizione: Pinto, Ercolano, Caropresso, Ferro. Allenatore: Nardo 6,5
ARBITRO: Signor Stefano Mauro di Agropoli
ASSISTENTI: Signor Giorgio Scarfati di Castellammare di Stabia e signor Domenico Castaldo di Frattamaggiore
NOTE: Ammoniti: Siano, Guerrera, Consiglio, Di Ruocco, Buonomo, Breglia e Di Gregorio. Espulso al 23’s.t. Sagarese (B) per doppia ammonizione. Calci d’angolo: 3 a 2 per la Battipagliese. Recupero: 2’p.t. e 4’s.t. Spettatori: 500 circa.

Tabellino e voti fonte Il Mattino

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!