Alla Folgore è fatale il tie break ad Ottaviano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IMG_0338È stata una Folgore bella a tratti quella che cede il derby all’Ottaviano al tie break. Un solo punto per la truppa del Ds Ruggiero che inciampa sul più bello.

“Grande amarezza ieri sera per una prestazione decisamente da dimenticare della squadra di mister Esposito. Il 3a2 finale farebbe pensare ad una partita spettacolare. Così non è stato. Il derby campano ha mostrato due squadre non pronte per lottare per la serie A con l’Ottaviano certamente una spanna più su per carattere e voglia di lottare nelle difficoltà”.
Questo il commento che l’area stampa bianco verde lascia sulla propria pagina Facebook.
I costieri vanno sotto rimontano, ma staccano la spina nel quarto set quando sono letteralmente spazzati via dal ciclone Ottaviano.
Nell’ultimo e decisivo set i padroni di casa scavano il fossato di sicurezza che Sette e soci non riescono a colmare nonostante tanta, tanta determinazione.
“Da serie A, la Folgore può dire di avere un gruppo di tifosi, i Crustiffs che si sono meritati i complimenti di tutti, forze dell’ordine incluse. Il loro calore anche dopo la sconfitta e’ stata la cartolina più bella di una giornata in cui la squadra ha deluso molto le aspettative”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!