Verso Cervinara-Sorrento, il capitano caudino Felice Pepe: “Conosciamo il valore del Sorrento, ma a casa nostra vogliamo comandare”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

felice pepeUna della gare più interessanti del 23° turno è sicuramente quella che oppone la matricola terribile Cervinara  al Sorrento guidato da Maurizio Coppola. Quarta contro seconda. Sfida d’alta quota, con i caudini che avranno l’arma in più della riapertura dello Stadio “Canada”, dove il Cervo si è guadagnato sul campo la promozione nella massima categoria dilettantistica regionale.  I rossoneri, forti di una striscia aperta di 8 risultati utili consecutivi, vogliono espugnare il fortino cervinarese per approfittare di eventuali passi falsi della capolista Ebolitana ed allo stesso tempo allungare sulle dirette inseguitrici nel caso in cui l’ipotesi play-off diventasse la strada da percorrere per raggiungere la promozione.  La città aspetta il big-match di domenica con  trepidazione, come si evince dalle parole del capitano caudino Felice Pepe.

Il Cervinara arriva alla sfida contro il Sorrento con tutta la voglia di mettere alle spalle un periodo complicato che ha visto la squadra raccogliere soltanto 2 punti nelle ultime 3 gare. Le ultime 2 gare sono state contrassegnate da tanta sfortuna. Contro il Faiano un pari giunto nei minuti finali dopo tantissime occasioni create ed un rigore fallito da Majella. A Battipaglia alcuni errori individuali hanno pesato sul risultato finale. È mancato forse cinismo, o forse un pizzico di cattiveria in più per portare a casa un bottino più importante?

“Sì, sicuramente nelle ultime gare non abbiamo raccolto quanto seminato, in quanto con Faiano e Battipagliese abbiamo espresso un gran calcio ma ci è mancata la maturità giusta per ottenere i 3 punti”.

Sulla carta una gara che promette scintille. Il Cervinara tra le mura amiche non ha mai fatto sconti a nessuno: soltanto il Santa Maria Cilento è riuscito ad imporsi in terra caudina. Dall’altra parte un Sorrento rivitalizzato dalla cura Coppola, che nel girone di ritorno non ha mai perso vantando la miglior difesa con sole 2 reti incassate. Che tipo di partita ti aspetti?

“Noi tutti conosciamo i valori del Sorrento che in questo girone di ritorno sta mostrando totalmente la sua forza, ma il Cervinara gioca a viso aperto con tutti e a casa nostra vogliamo comandare”.

Cervinara-Sorrento segna anche la riapertura dello Stadio “Canada”, ristrutturato e con un manto erboso completamente rifatto. Seppur con qualche mese di ritardo sulla tabella di marcia, il nuovo impianto è pronto ad essere il valore aggiunto della squadra guidata da Pasquale Ferraro. Che atmosfera si respira in città a poche ore dalla gara?

“Il ritorno al Canada è un motivo in più per noi e per tutta la piazza cervinarese per affrontare al meglio questa partita. Sia in città che dentro tutti noi conosciamo il valore di questa partita che potrebbe far scrivere una nuova pagina di storia al club caudino”.

Il Cervinara affrontava questo campionato da matricola, tornando in Eccellenza dopo 10 anni. Dopo 22 giornate, la squadra caudina si trova al 4° posto in piena zona play-off. È un cammino in linea con le aspettative iniziali, o la forza del gruppo sta trascinando verso obiettivi ancora più ambiziosi?

“Sicuramente all’inizio in pochi si aspettavano i risultati che il Cervinara è riuscito ad ottenere ma noi conosciamo i nostri valori e sappiamo che abbiamo tutte le carte in regola per raggiungere il nuovo obiettivo prefissatoci che è quello dei play off, poi le ultime 8 partite faranno da giudice ma quella di domenica vale di più!”

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!