Basket, Derby femminile della penisola: La Polisportiva sorrento fa il bis

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

polisportiva sorr femmUna partita storica ma ‘senza storia’ dove le due formazioni di Sorrento si davano battaglie per due obiettivi completamente opposti: La Polisportiva per confermarsi regina a sorpresa del campionato con la Meomartini, la Fortitudo per dimostrare che la crescita delle ultime giornate non era tutto fumo ma aveva qualcosa di concreto per un grande girone di ritorno.

A dispetto delle aspettative però, la gara si mette fin da subito male per le padrone di casa di coach Balsamo in campo per tutta la gara così come Scala, la migliore delle sue. La Polisportiva corre, gioca e si diverte giocando, con la Errico che non trova opponenti di pari livello per presenza nel pitturato oltre che fisica ed il duo Cacace – Di Palma a far girare con i giusti tempi il pallone sull’arcigna difesa a zona della Fortitudo. Due le azioni simbolo del primo quarto: Recupero e contropiede rapido della Errico che manda con buona dose di altruismo la Borgongino in layup comodo per il +11 Polisportiva sul 02-13. Parziale per le biancorosse che continua con Cacace che da tre fa fuoco e chiude il quarto sul 02 – 18.

Secondo quarto molto simile al primo con l’allungo decisivo della Polisportiva che con Braida dall’arco arriva sul +21 per le sirene rosse. Solo a metà quarto, sul 34 – 06 la Fortitudo prova con un time out a chiudere la prima frazione con meno passivo ma la Polisportiva continua concentrata a fare il suo gioco intenso e chiude la prima metà di gara sul 10 a 45.

La ripresa vede subito un sussulto per la Fortitudo che con Scala e capitan Acampora anche lei sempre in campo per tutto il match va più volte a segno; nonostante ciò la Polisportiva ristabilisce subito le distanze con fallo e canestro di una Errico sempre al centro del gioco.

Da lì in poi la Fortitudo finisce la benzina e lascia spazio al monologo della Polisportiva con Cacace che sale in cattedra e non smette di segnare. La Fortitudo non si arrende prova a reagire ma lascia tanto spazio alle avversarie che grazie alle ampie rotazioni la chiudono di forza mettondo in campo forze fresche con tante under di prospettiva. Alla fine il risultato recita 98 – 24 Polisportiva in una cornice di pubblico che applaude entrambe le formazioni, seppure gli umori sono diametralmente opposti fra certezze che diventano reali e dubbi che riaffiorano.

 

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!