Favetta spreca, Savarese salva il Sorrento a Positano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

 

Savarese realizza il definitivo 1-1. Foto Galano

Savarese realizza il definitivo 1-1. Foto Galano

Positano. Se la matematica continua a confermare una piccola possibilità di rimonta, il cammino verso la vetta del Sorrento si chiude definitivamente a Positano. Nel derby della grande bellezza alla fine è 1-1.
Cinico, spietato e spiccio l’undici giallorosso è la fotocopia del carattere di Guarracino. Il tecnico sceglie di cassare sia Di Leva, panchina, sia Porzio, tribuna e sposare un roster più a sua immagine e somiglianza.
Coppola senza Bolzan, infortunio, Ammendola, squalifica e Temponi prova a giocarsi la partita con una sorpresa: il 3-5-2. A fare la fascia sinistra c’è Scarpa.
La mediana è ingolfata quindi via alla pioggia di palloni verso le punte da una parte e dall’altra, le difese chiudono tutto e complici tante scorrette la partita si sviluppa in formato spezzatino.
L’invenzione arriva dal piede di Fiorentino. Cross sul secondo palo, Maione è perfetto nello stop, ma sciagurato nella conclusione. La fase centrale del primo tempo è della pistrice. Calcio piazzato di Cappiello, Vallefuoco si fa largo in area e Pezzella salva.
Nel momento peggiore esce la compagine di Coppola. Prima un off sfide di Favetta blocca Esposito Lauri libero davanti a Munao, poi lo stesso Favetta entra nel vortice della giornata no sparando sul fondo.
All’intervallo lo zero a zero è la logica conseguenza di errori a iosa, scelte sbagliate e fischi a gogo che non fanno accelerare il ritmo e intensità.
La prima novità della ripresa la concede Coppola passando al 4-3-3. Vitale alto al posto di Arpino uscito azzoppato in chiusura di prima frazione.
La giornata no di Favetta si ripropone dopo 40 secondi. Vitiello serve Marcucci che fa da sponda per il collega, il diagonale c’è, ma Munao di piede manda la sfera sulla traversa.
Dalle parti del De Sica vien fuori la cara vecchia legge del gol. Il Positano passa. Ancora Fiorentino trova il buco ed il cross, la difesa sbanda e consente a Maione di battere Pezzella.
Il vantaggio giallo rosso sblocca i nervi che corrono più della palla. Fioccano i gialli e con Vitale che si fa male e viene ammonito Coppola e Ottobre dirigono il fine gara dalla balaustra.
Il Positano si abbassa, forse troppo, cresce la pressione e serve il neo entrato Savarese per fare 1-1 e ringraziare Marcucci per la sponda.
Il tempo ci sarebbe per i rossoneri, ma la migliore azione la costruisce il Positano con Vanacore che sbuca sul secondo palo, ma è impreciso nella deviazione di testa.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!