Verso Castel San Giorgio-Sorrento, Antonino Amarante: “Dovremo evitare cali di tensione perchè contro una corazzata come il Sorrento si pagano cari”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il campionato giunge alla 19° giornata ed il Sorrento ha la possibilità di continuare la propria marcia impetuosa, visto che mantiene una serie aperta di 4 vittorie consecutive senza nessun gol al passivo. L’avversario, motivato ulteriormente da una classifica che non rende merito al gioco espresso finora, va preso con le molle visto che si tratta del Castel San Giorgio guidato da Antonino Amarante, allenatore giovane tra le rivelazioni dello scorso campionato alla guida dell’Us Scafatese condotta ad un ottimo 6° posto raggiunto con ben 46 punti.
Gioco offensivo e propositivo: questa la filosofia della squadra salernitana, che a causa di alcune disattenzioni si ritrova in piena zona play-out ed a 5 punti dalla salvezza diretta.

La sua squadra ha quasi sempre espresso un calcio bello e propositivo, raccogliendo probabilmente meno rispetto a quanto avrebbe meritato. Analizzando soltanto le ultime 3 gare: sul filo del fuorigioco le reti incassate nell’ultima gara interna contro il Faiano, mentre alcune disattenzioni su palla inattiva  sono state determinanti contro Solofra e Battipagliese.

“Purtroppo ultimamente stiamo pagando a caro prezzo ogni errore, soprattutto su palla inattiva. 4 delle ultime 6 reti incassate sono giunte proprio in questo modo, per cui sembra che in questo momento i calci da fermo siano il nostro tallone d’Achille. Credo che il Castel San Giorgio abbia mostrato qualità in diverse gare, e la classifica che non rende merito alle prestazioni rese dai ragazzi sul terreno di gioco. A mio parere tra partite gettate viva, qualche errore di troppo ed un po’ di sfortuna ci mancano almeno 10 punti. Credo che continuando su questa squadra e lavorando duramente, questa squadra abbia tutte le carte in regola per tirarsi fuori da una posizione di classifica che non le appartiene”.

Soltanto 9 reti subite in 8 gare tra le mura amiche: numeri importanti per una squadra che ha l’obiettivo di conquistare la salvezza. Inoltre il 72% delle reti realizzate sono giunte nei secondi 45 minuti ed in modo particolare nell’ultimo quarto d’ora, segno di una squadra che non molla mai fino al fischio finale.

“Mi fa piacere che i numeri evidenzino questo, d’altra parte conosco perfettamente le qualità di questa squadra. Fin dall’inizio ho sempre creduto nei miei ragazzi, la società ha fiducia in me, e nonostante una classifica che al momento ci vede in zona play-out, sono molto fiducioso per il prosieguo del campionato”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Vittoria che al Castel San Giorgio manca da 4 turni, quando al “Sessa” una rete di Ferrentino in pieno recupero completò la rimonta contro il San Tommaso. Che tipo  di partita ci vorrà per provare a strappare un risultato utile contro il Sorrento?

“In questo momento sembra che il Sorrento abbia trovato la sua quadratura, per cui l’impegno di domenica sarà ancora più complicato. Parliamo della squadra più forte di questo campionato, e siamo consapevoli che anche la nostra miglior prestazione potrebbe non bastare per fermare una corazzata con valori tecnici fuori categoria. Abbiamo necessità di far punti, per cui giocheremo la nostra gara a viso aperto cercando di mettere in difficoltà la squadra costiera. Conosco bene il mister Maurizio Coppola, è riuscito in poco tempo a rendere la difesa del Sorrento quasi imperforabile, e so che preparerà la gara nei minimi dettagli per portare a casa l’intera posta in palio”.

Sorrento che sembra finalmente aver trovato la quadratura del cerchio. Nel 2017 4 vittorie consecutive senza subire gol tra Campionato e Coppa Italia. Servirà l’approccio giusto, visto che nelle ultime 2 gare la squadra di Maurizio Coppola ha sempre sbloccato il match entro i primo 20 minuti di gioco.

“Indubbiamente vincere aiuta a vincere. Probabilmente il Sorrento ha acquisito maggiore sicurezza, affronta le partite con una ritrovata tranquillità, e riesce subito a portarsi avanti nel punteggio. Abbiamo il piccolo vantaggio di giocare sul nostro campo che è di dimensioni più piccole,  per cui si sta sempre in partita e credo che assisteremo a una partita combattuta fino al fischio finale. Non mi preoccupo della prestazione perché so che i ragazzi daranno più del 100%, ma mi auguro soltanto che possano essere ridotti al minimo quei cali di tensione in cui la squadra è caduta spesso nel corso della stagione”.  

Salvezza diretta in questo momento distante 5 punti, ed un calendario che a breve vedrà il Castel San Giorgio ospitare Santa Maria Cilento, Valdiano e Picciola per degli scontri diretti da non fallire. Si può dire che quelle gare costituiranno la chiave di volta del suo campionato?

“Sinceramente ci troviamo in una situazione di classifica che non ci aspettavamo, poiché i progetti di inizio stagione prevedevano un cammino più tranquillo verso la salvezza diretta. Non me la sento in questo momento di fare tabelle, e spero che questa squadra riesca ad esprimersi al massimo delle proprie potenzialità già a partire dal prossimo match. Si procede partita dopo partita, ora non possiamo più fare calcoli perché 5 punti da recuperare sono tanti e dovremo fare un grosso finale di campionato per recuperarli nelle prossime 12 partite. In questo momento siamo concentrati soltanto sulla partita contro il Sorrento, cercando di mantenere alta la concentrazione per una partita sulla carta proibitiva. Poi soltanto da lunedì inizieremo a preparare la partita successiva che ci vedrà impegnati in trasferta sul campo della Palmese”.   

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!