Polisportiva Vico Equense 1DIV: Passo falso interno contro il Vivi Basket

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

pol vicoSi arresta per una giornata la rincorsa della Polisportiva Vico Equense alla Thilger Ercolano che ora va in fuga a +4 sulle inseguitrici. La gara contro il Vivi Basket è quel tipico rammarico che fa mangiare le mani, perché la Polisportiva nel suo fortino di Via Madonnelle la comanda per tre quarti sciupando tutto nell’ultima frazione gettando alle ortiche due punti d’oro.

L’avversario però era di quelli ostici, infatti la Vivi Basket Napoli è la diretta inseguitrice ora a pari punti, delle due costiere che tallonano la prima in classifica ed arrivava allo scontro diretto di Vico con una striscia vincente di 4 partite. Pronti  via la si mette subito sui ritmi che la polisportiva cerca di dettare e dimostrando la sua solidità difensiva cerca di portarsi subito avanti con gli ospiti che restano in linea di galleggiamento grazie a Papa in gran giornata. Il primo quarto finisce 20-13 per i locali che nella seconda frazione trovano meno continuità offensiva che viene assorbita da una buona concentrazione dall’altra parte del campo che frutta un parziale di 9-5 per la Polisportiva che si porta sul 29-18 all’intervallo lungo.

Alla ripresa delle operazioni, come nella prima frazione, la polisportiva prova di nuovo a scappare con i 10 punti siglati nel solo terzo quarto da Gargiulo che portano la Polisportiva sul +15 all’inizio degli ultimi vibranti dieci minuti. Qui arriva il blackout della polisportiva che in attacco scopre le polveri bagnate crolla nettamente in difesa, concede 24 punti agli ospiti che fra le mani si ritrovano inaspettatamente la palla per vincere la partita, sprecandola. L’over time continua come il quarto quarto con i costieri che non ci sono più mentalmente e gli ospiti che dilagano. Battuta d’arresto per la polisportiva che domenica avrà un’ulteriore partita casalinga contro Partenope basket dove l’unico obbiettivo sarà vincere per prepararsi al meglio alla trasferta contro la capolista Ercolano.

Il commento perentorio di Vitale a fine partita lascia trasparire la voglia di un pronto riscatto:” Abbiamo letteralmente buttato una partita che avevamo fatto nostra nelle prime 3 frazioni di gioco. Questa sconfitta deve farci capire che le partite si devono giocare al massimo fino alla fine e ci deve servire da lezione da qui in avanti. Ora testa bassa negli allenamenti e sono sicuro che ci rialzeremo già da domenica sperando di avere ancora tutto il pubblico che c’era domenica sera che ringrazio veramente tanto!”

Polisportiva Vico Equense – Vivi Basket Napoli 57-66

Polisportiva Vico Equense: Asturi ne, Gargiulo f 20, Di Martino ne, Colledonico ne, Maresca 12, Ferraro ne, Catuogno d 7, Vitale 6, La Manna ne, Perillo 6, Savarese ne, Acone 6.

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!