Basket: La Polisportiva ed il minibasket 45 gatti lanciano il “Progetto Penisola”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IMG-20170124-WA0003Domenica in occasione del quadrangolare “Gemellaggi Minibasket” che ha fatto tappa a Sorrento, è stato presentato al pubblico un progetto innovativo quanto unico: il “Progetto Penisola” messo in piedi grazie alla sinergia fra la Polisportiva Sorrento e il centro minibasket 45 Gatti di Piano di Sorrento. Alla base di questo interessante progetto ci sono molteplici significati che lo stesso ideatore, coach Mimmo Montuori, ha tenuto a svelare con una punta di orgoglio:”Un progetto che parte da lontano, da quando sono ritornato qui in penisola e si basa sulla volontà di fare qualcosa di importante per il basket giovanile in questo territorio partendo dal minibasket per poi crescere insieme e arrivare anche a giocarci da protagonisti campionati giovanili importanti. E’ una collaborazione fra i centri minibasket di Piano, Sant’Agnello e la Polisportiva Sorrento ed ha l’obiettivo di creare qualcosa per i giovani e giovanissimi che fanno pallacanestro in penisola”.

Qualcosa di cui spesso si è parlato ma mai realizzato in penisola:“E’ una collaborazione che nasce dalla necessità di accantonare i campanilismi perché essere divisi è peggio che essere isolati soprattutto pere una realtà come quella della penisola sorrentina che presenta difficoltà logistiche e di trasporti. Siamo il Progetto Penisola, non abbiamo un comune di riferimento perché abbiamo con noi ragazzi di tutta la penisola e per questo chiunque, qualsiasi istituzione può, se vuole, aiutarci nel costruire questo percorso che abbiamo iniziato quest’anno con il campionato esordienti mettendo le giuste basi per essere protagonisti in futuro. La parola d’ordine è programmare ed insieme, senza rivalità, perché fino ad ora c’è sempre stata una componente individuale possibile solo in passato grazie ad i numeri ed altre circostanze ma ora la società sta cambiando. Programmazione, unione e cooperazione ci  aiuteranno anche nelle strutture che sono poche e fatiscenti in penisola, oltre che per le persone preparate che possano seguire al meglio i ragazzi nella loro crescita”.

Un progetto che si basa anche sulle dinamiche passate che spesso hanno evidenziato i molti problemi dei ragazzi nell’affrontare al di fuori della realtà peninsulare il mondo cestistico:“Il tutto si forma sul passato in cui abbiamo assistito troppo spesso a dei veri e propri “sciacallaggi” di ragazzi usciti dalla penisola con il sogno di diventare giocatori, tornati spesso indietro quasi disaffezionati dopo aver vissuto questo sport a 360 gradi. Da qui riparte il Progetto penisola nella volontà di non dare finte illusioni con agonismo fasullo ma pensando ad ogni singolo ragazzo. Progetto Penisola vuole far crescere tutti e ci proveremo con la volontà di dare a tutti i ragazzi la possibilità di crescere giocando e seguendo regole che solo lo sport riesce a dare, portandoli in palestra e formandoli al di là di queste nuove e tremende tecnologie”.

Coach Montuori risponde anche alla domanda di sponsor eventuali che possano abbracciare questo progetto:“Certamente chi vorrà darci una mano in tal senso saremo felici perché può aiutarci nei vari aspetti che vanno per esempio dalla tuta al pulmino per le trasferte, dando un ulteriore mano ai genitori che possono essere sgravati di un problema importante come quello della nostra particolare situazione logistica territoriale e ai ragazzi al tranquillità per esprimersi al meglio”.

La prima pietra di questo progetto che sembra possa avere ampio seguito e successo è stata posta, concretizzando quello che da anni in politica e fra le ideologie territoriali viene catalogato sotto il nome di “comune unico” ed ancora una volta il banco di prova, o se si preferisce, l’apripista, di un possibile cambiamento, dovrà essere lo sport.

Il quadrangolare, invece, ha visto una giornata all’insegna del basket con protagonisti gli 80 piccoli atleti delle società Partenope basket, Polisportiva Sorrento, minibasket 45 gatti, Scafati e Sant’Anastasia. A margine della manifestazione ha parlato anche coach Savarese orgoglioso della possibilità della Polisportiva Sorrento di far parte di questo circuito e di questo progetto per la penisola:” La Polisportiva Sorrento è orgogliosa di far parte di questo circuito in collaborazione con il centro minibasket 45 Gatti di Piano di Sorrento, e siamo ancora più orgogliosi di aver ospitato un’evento comunque importante. È stata una giornata di festa all’insegna dei veri valori del minibasket, condotta con gioia e serenità e nel puro spirito della socializzazione. Voglio fare un  applauso a tutti i partecipanti”.

 

Francesco Vazza

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!