Sorrento-Santa Maria Cilento 2-0, il mister Maurizio Coppola ed il difensore Simone Cioffi in conferenza stampa post-partita

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

coppolaIl mister Maurizio Coppola è visibilmente soddisfatto in sala stampa per la 3° vittoria consecutiva tra campionato e coppa italia ottenuta mantenendo la porta inviolata.

“È la prima volta che mi capita di subentrare a campionato in corso, e le difficoltà sono senz’altro enormi rispetto a quando si parte in estate con la possibilità di costruire la squadra secondo le proprie esigenze. In questo mese abbiamo lavorato per il 90% sulla fase difensiva per dare coraggio, sicurezza ed equilibrio ai ragazzi. D’altra parte i numeri parlano chiaro, ed evidenziavano che il Sorrento dalla 7° giornata in poi aveva sempre preso gol in campionato. Questa squadra dispone di 6 attaccanti che farebbero gola a tantissime squadre di Serie D, ma per raggiungere traguardi importanti serve equilibrio. Nelle ultime 3 partite non abbiamo subito gol, ma soprattutto non abbiamo mai corso rischi. Questo è un segnale importante, e vuol dire che la fase difensiva viene svolta alla perfezione anche dagli attaccanti.
Considerando che oggi, per problemi fisici, mancava un pilastro della difesa come Arpino, va detto che nel ruolo di difensore centrale possiamo disporre di un calciatore esperto e di altri 2 giovani. Bisogna lavorare per far crescere Arpino e Cioffi, e sono sicuro che potranno dare una grossa mano a questa squadra.
Il tempo per guardare le diverse sfaccettature della squadra non c’è, dobbiamo essere concreti, cinici ed equilibrati. Tra gennaio e febbraio escono fuori i valori dell’organico, stiamo lavorando tanto ed i risultati ci stanno dando ragione. Inoltre bisogna considerare che questa squadra dispone di individualità importanti che possono risolvere la gara da un momento all’altro.
Siamo stati alti, mentre il Santa Maria Cilento teneva palla principalmente nella propria metà campo, quando tutti i nostri attaccanti erano sotto la linea della palla. Se avessimo giocato così per 3 giorni, i nostri avversari non avrebbero mai tirato in porta, mentre abbiamo rischiato soltanto su un paio di palloni persi in uscita che hanno lanciato i cilentani in contropiede.
In fase difensiva chiedevo a Favetta di abbassarsi sulla nostra sinistra, mentre in fase di possesso palla gli chiedevo di entrare più dentro al campo, più vicino alla porta cercando il fraseggio con Marcucci o Vitale. Favetta è un giovane di grande prospettiva, ha una forza fisica straripante che gli permetterebbe di disputare 2 partite consecutive, e ci darà senz’altro un grande contributo.
Per quanto riguarda il mercato, a questa squadra potrebbe essere utile qualche “under”. Il  mercato dei dilettanti si è chiuso a dicembre, e non è facile andare a cercare tra i professionisti profili in grado di darci una mano. Il direttore continua a sondare il mercato alla ricerca di qualche elemento in grado di farci fare il salto di qualità”.

cioffiIl difensore Simone Cioffi, 5 partite in campionato per un totale di 433 minuti, è stato tra i migliori in campo: cerniera centrale con Terracciano, ha tenuto sotto controllo gli attaccanti cilentani che non hanno mai creato nulla di pericoloso dalle parti di Pezzella.

“Posso dire che l’arrivo di Maurizio Coppola è stato importante per ritrovare solidità nel reparto difensivo. Può vantare infatti una carriera importante da difensore centrale, e non a caso lavoriamo tanto sulla fase difensiva. Il merito non è soltanto di noi difensori, ma va condiviso con tutti i compagni che ci permettono di accorciare al meglio i reparti. Il mio ruolo è quello di difensore centrale, ma ho grande duttilità ed in passato ho ricoperto anche il ruolo di terzino destro al quale posso adattarmi senza particolari problemi. Sono felice perché non prendiamo gol da ben 3 partite consecutive, e questo per un difensore è un aspetto di fondamentale importanza. Credo che questo non è il momento di guardare tanto al gioco: è vero che nel primo tempo non siamo stati spettacolari, ma nella ripresa abbiamo gestito meglio la palla e la manovra è stata molto più fluida. Ora ciò che conta sono solo i risultati. Dobbiamo pensare partita dopo partita, i nostri primi avversari siamo noi stessi, e se giochiamo con questa continuità possiamo dire la nostra fino alla fine. Abbiamo attraversato un periodo in cui sono stati raccolti soltanto 2 punti tra Nola, Solofra e Faiano, ed una squadra come la nostra non può permettersi tutto questo. Ci siamo un attimo abbattuti perché i risultati non arrivavano: il morale cresce con i risultati ed ora può essere davvero il momento della svolta”.

Foto: Rosario Criscuolo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!