Sorrento in versione natalizia, l’Ebolitana ringrazia

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IMG_0449Quattro errori contro uno, quattro a uno il finale.
L’Ebolitana regola il Sorrento con un poker pesante nel morale e nel conteggio, perché chiude il discorso qualificazione e ipoteca anche il campionato.
Se ci fossero ancora velleità di rimonta in casa costiera, questa partita le smonta tutte.
Troppa differenza di organico, soprattutto negli under che nella terra delle sirene non stanno dimostrando il loro valore.
Il Sorrento dovrà rituffarsi in campionato pensando solo ai tre punti in palio al Pastena e a poco altro.
Quando Vitale si divora il vantaggio dopo due minuti si ha l’illusione che la squadra c’è. Resta un fuoco di paglia, perché al primo affondo gli eburini passano con Margiotta. L’attaccante sfrutta una calza della Befana su un innocuo tiro cross di Visciano.
La voglia ed i nervi non vanno nella stessa direzione per il Sorrento sebbene, in rapida successione, Savarese e Minicone sfiorino il pari.
Il bersaglio grosso lo colpisce Favetta con la complicità di Granata.
In soli 120 secondi di poco gioco e molti contatti il goleador di giornata vede il secondo giallo, eccessivo, e lascia i suoi in dieci.
L’Ebolitana vuole portare a casa un risultato positivo senza rischiare troppo, in dieci i costieri affondano il colpo. Punizione di Savarese a fil di palo, tiro di Temponi con lo stesso esito e dormita colossale di Santaniello su una conclusione velleitaria di Marzullo.
Il 2-1 mortifica i rossoneri che si disuniscono, sbagliano una lettura in uscita con Ammendola, ne approfitta Landolfi che, di sinistro, fredda il portiere.
Con Cardella ad arbitrare il secondo tempo in italian style: fischi continui, Vitale si trova in disaccordo a metà frazione, secondo giallo e Sorrento in nove.
Quando Marcucci rischia di trovare il 3-2 serve un Maisto provvidenziale per lasciare a zero le chance di rimonta al Dirceu. Percentuali rase al suolo dalla svista di Terracciano che fa trovare al buon Margiotta la seconda calza per il 4-1 finale.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!