FC Sorrento: Presentato il nuovo tecnico Maurizio Coppola

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
coppolaConferenza stampa ricca di spunti quella del nuovo tecnico dell’ FC Sorrento Maurizio Coppola. Una vera e propria slinding doors per Coppola che due anni fa col Gragnano superò il Sant’Agnello di Giglio e Turi nel finale di stagione. Il nuovo allenatore della società costiera guarda con decisa fiducia al lavoro importante da fare per risollevare la situazione:“Siamo una squadra forte che non dovrà mai rinunciare ad inseguire la promozione spendendo energie mentali in egual misura tra Coppa e campionato”. Tecnico giovane, vincente che del passato giallo blu ha portato con sé l’intero staff che lo assisterà nella sua avventura nella terra del Tasso: Amita secondo e Di Maio preparatore atletico. Voglia di discontinuità rispetto alla passata stagione. Una voglia, di cambiamento, che la società rincorre ed attesta anche nel silenzio stampa indetto proprio all’inizio della presentazione del nuovo tecnico rossonero, a cui saranno chiamati tutti eccetto il ds Ottobre sino a nuove comunicazioni. “Serve far scattare la scintilla per far tornare il fuoco, bisogna trovare la giusta miscela tra fisico e mente, perché se non c’è la testa non si va da nessuna parte”, queste le poche ma incisive parole del preparatore Di Maio che fa intendere come il nuovo staff abbia già iniziato a lavorare per tracciare la strada giusta per la scalata alla promozione. “La squadra deve solo capire che disputiamo il campionato di Eccellenza”, spiega Coppola, “Dovremo uscire dal campo con le ginocchia sbucciate e ci arrenderemo solo quando la matematica ci dirà di essere fuori, solo in quel caso accetteremo il verdetto del campo”. Una situazione difficile, diversa rispetto al passato per l’ex allenatore del Gragnano: 8 punti da recuperare e impossibilità di fare un record di punti fatto l’anno scorso dalla Nocerina.“8 punti sono tanti ma alla portata di una squadra come il Sorrento che ha i giocatori di spessore ed importanti per poter fare bene in questo campionato. Non dovremo fare calcoli né proclami. Nel calcio tutto è possibile. Noi dovremo far il nostro massimo e solo alla fine tireremo le somme”. Un massimo che il neo mister rossonero quantifica in testa bassa e pedalare con concentrazione e voglia di lottare. Sembra un ritorno all’epoca simonelliana quando Coppola nicchia sulle questioni più tecniche e tattiche come le domande sul modulo:“Parlare di moduli è l’ultima cosa di cui deve parlare l’allenatore. Bisognerà far quadrare il cerchio inserendo gli under e poi gli over”. Un Sorrento che deve rinascere dalle sue ceneri con questo cambio repentino che avrà ancora una volta nel direttore Ottobre il faro attento anche alle possibili occasioni di mercato che possano dare la spinta decisiva per un recupero che sarebbe un’impresa. 
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!