Faiano-Sorrento 3-1, Il patron Franco Giglio è perentorio: “Chiediamo scusa a tutti i tifosi del Sorrento”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

faiano sorrento_3° gara consecutiva senza riuscire a far bottino pieno in campionato per il Sorrento, che dopo i 2 pareggi di fila contro Nola e Solofra incassa una battuta d’arresto sul campo del Faiano, che inanella così la 6° vittoria consecutiva.

Al 6’ il Faiano prova a farsi vedere con un tiro a incrociare di Anastasio che termina alto sopra la traversa. Poco dopo Paradisone imbecca Vitale, che all’altezza della linea di fondo fa partire un tiro-cross insidioso la cui traiettoria viene accompagnata con lo sguardo dall’estremo difensore mentre si allontana dalla disponibilità delle bocche da fuoco rossonere. Al 21’ Mansour ci prova dalla distanza, ma la conclusione contrata da un difensore costiero termina debolmente tra le braccia di Pezzella. Su palla inattiva il Sorrento mantiene sempre il portiere biancoverde in costante apprensione: alla mezz’ora la gran botta di Terracciano trova l’opposizione della retroguardia del Faiano. Al 32’ cross dalla destra di Cioffi, sponda di Marcucci e gran botta di Vitale sul primo palo deviata in angolo. Nel miglior momento della squadra di Mario Turi, i padroni di casa passano in vantaggio: sugli sviluppi di una punizione guadagnata da Mansour, la sfera finisce tra i piedi di Erra che stoppa di petto e lascia partire un destro dal limite che assume una traiettoria irraggiungibile per Pezzella. Al 36’ i padroni di casa restano in 10 a causa di una sciocchezza di Magazzeno, che rifila un colpo violento a palla lontana ai danni di Fontanarosa.  Il Sorrento prova subito a reagire, con Paradisone che dalla lunghissima distanza prova a sorprendere Senatore senza alcun risultato.

In avvio di ripresa Favetta subentra a Cioffi ed il Sorrento passa ad un 4-2-4 a trazione anteriore per riprendere immediatamente la gara. Al 49’ Minicone verticalizza per Favetta, il cui tiro viene murato da Anastasio. Poco dopo Favetta allarga sulla destra per Minicone, cross sul secondo palo per l’incornata con i tempi giusti di Marcucci sulla quale Senatore compie un autentico miracolo allungandosi alla propria destra. Quindi Favetta si gira in un lampo all’interno dell’area, per poi scoccare un gran tiro che impegna severamente l’estremo difensore del Faiano. Al 56’ il Sorrento trova la rete del meritato pareggio: corner battuto corto da Minicone per Vitale, che serve a Marcucci un pallone con il contagiri da dover soltanto essere spinto in rete a pochi metri dal portiere. La squadra costiera sembra prendere ormai il pallino del gioco, quando l’arbitro decide di ristabilire la parità numerica punendo con eccessiva severità un intervento di gioco a metà campo di Temponi su Pellegrino: rosso diretto ed anche il Sorrento finisce in 10 uomini. Al 60’ Mansour riceve palla da Pellegrino, si gira in un fazzoletto e calcia sul palo lungo costringendo Pezzella a superarsi evitando la capitolazione. Terracciano ci prova nuovamente su calcio di punizione, con la sfera che termina alta sopra la traversa. Al 68’ Favetta premia il taglio perfetto di Ammendola, conclusione potente che trova i guantoni del portiere. Poco dopo la difesa allontana una punizione di Fontanarosa, pallone nei radar di Minicone che fa partire una conclusione dai 25 metri che Senatore alza sopra la traversa. Al 74’ Pellegrino trova un corridoio per Mansour, che prova a vincere il duello in velocità con Ammendola, che viene sbilanciato prima di un tocco veniale con il braccio attaccato al corpo che spinge la sfera in corner. Mentre tutti si avviano verso la bandierina, il guardalinee (che in almeno 2 o 3 situazioni simili a parti invertite aveva optato per un metro di giudizio teso a lasciar correre) richiama l’arbitro che assegna una massima punizione alquanto dubbia: dal dischetto Mansour spiazza Pezzella ed il Faiano passa a condurre la gara. Il Sorrento si riversa in attacco e sfiora il pari con un colpo di testa fuori misura di Marcucci ed una girata di Favetta che esce di un soffio oltre la trasversale. All’88’ corner di Bolzan, Senatore in uscita smanaccia anticipando Favetta, palla a Minicone che dal limite dell’area non inquadra la porta. Quindi è ancora l’estremo difensore biancoverde a dover distendersi per respingere una conclusione di Marcucci da distanza ravvicinata. Dal gol sbagliato si passa al gol subito e conseguente beffa. Ruggiero riceve un pallone all’altezza della metà campo e s’invola quasi indisturbato lungo la corsia destra, palla tesa verso il centro che si infila alle spalle del portiere complice un tentativo disperato di respinta operato da un difensore.

Bocche cucite al termine del match, con il distacco dalla capolista che diventa importante ma non del tutto incolmabile con ancora 15 gare da disputare. L’unica voce giunge dal patron Franco Giglio, che commenta così la prestazione dei ragazzi.

“Siamo profondamente delusi per la prestazione della squadra. Ci vergogniamo e chiediamo scusa a tutti i tifosi del Sorrento. Siamo altresì convinti che non tutto sia perduto: l’obiettivo della società può ancora essere raggiunto per cui non abbiamo alcuna intenzione di mollare”.

FAIANO – SORRENTO 3-1

Reti: 34′ pt Erra (F), 11′ st Marcucci  (S), 29’st Mansour rig. (F), 45′ st Ruggiero  (F)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

FAIANO (4-3-3) Senatore; D’Orsi, Di Giacomo, Di Donna, Magazzeno; Erra, Anastasio (35′ st Ruggiero), Grieco; Donadio (1′ st Cicia), Pellegrino, Mansour.

A disp: Ginolfi, Pisacane, Chiangone, Costabile, Martinangelo.

All: Turco

SORRENTO  (4-2-3-1) Pezzella; Cioffi (1′ st Favetta), Arpino (30′ st Bolzan), Terracciano, Ammendola; Fontanarosa, Temponi; Paradisone, Vitale (17′ st Savarese), Minicone; Marcucci.

A disp: Santaniello, Raimondi, Serrapica, Gargiulo.

All: Turi

Arbitro: Maurizio Barbiero di Campobasso (Passaro/Vitale)

Note: Espulsi: Magazzeno (F) al 36′ pt, Temponi (S) al 13′ st. Ammoniti: Cioffi  (S), Paradisone  (S), Cicia  (F). Corner: 8-7. Recupero: 2′ pt, 5′ st

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!