FC Sant’Agnello: Tanta sfortuna contro il Picciola

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

fc sant squadra eccL’1-2 finale non racconta una partita che invece il Sant’Agnello ha controllato per 90 minuti nonostante tanta sfortuna, un uomo in meno per tutto il secondo tempo ed una gestione dei falli non impeccabile favorita anche da una conduzione arbitrale discutibile. La formazione di mister Nardo ottiene fin dal calcio d’inizio il controllo delle operazioni creando tanto ed arrivando più volte in area di rigore peccando in fase di finalizzazione. Sfrutta benissimo le fasce, dove, soprattutto nel primo tempo, la corrente Scognamiglio a sinistra è praticamente imprendibile e procura alla retroguardia della Picciola più di un’apprensione. Breglia ci mette il cuore e spesso si fa trovare pronto dai compagni che lo cercano con verticalizzazioni provenienti dalle retrovie. Il goal ospite, nel primo quarto d’ora, mette la strada in salita per il Sant’Agnello che perde quella calma predicata a gran voce dalla panchina da mister Nardo. La fretta porta a qualche errore d’imprecisione e favorisce quella sfortuna che puntualmente fa capolino quando il palo dice di no alla conclusione sporca di Breglia sul quale De Filippo non poteva arrivare. Gli ospiti dall’altra, subiscono il giro palla dei padroni di casa e giocano di ripartenze arrivando poche volte dalle parti di Belviso. Primo tempo che va in archivio fra i rimpianti e dove un pareggio sarebbe stato giusto. Pronti via, nella ripresa, le parole di mister Nardo negli spogliatoi, danno la scossa ai ragazzi che alla prima azione offensiva portano il match in equilibrio tirando un sospiro di sollievo e sciogliendo quella tensione che non favoriva il gioco del Sant’Agnello. Il pareggio però, non porta la giusta tranquillità, perché Breglia, il migliore dei suoi nella prima frazione, si vede sventolare un rosso diretto per fallo di reazione che lascia il Sant’Agnello in dieci. Da lì cambio di assetto tattico per mister Nardo che passa al 4-4-1 ed inserisce Cioffi per Gargiulo. L’uomo in meno non cambia la sostanza, il Sant’Agnello vuole vincerla, attacca e crea gioco mentre il Picciola fa la sua partita di contenimento sfruttando gli spazi concessi dalla superiorità numerica. Cioffi si mangia da due passi il goal del sorpasso ed altre due opportunità sciupate rendono la giornata stregata per i ragazzi costieri che sul finale di gara devono soccombere alla dura legge del goal: goal sbagliato goal subito. Infatti, da un lancio lungo, il liscio dell’esordiente Ercolano favorisce Merola che trafigge con un rasoterra l’estremo difensore Belviso per il 2 a 1 degli ospiti. Il Sant’Agnello però non ci sta e prova la reazione di nervi per ripescare ancora una volta una partita sfortunata. Qualche punizione dalla trequarti e i cambi, però, non cambiano il risultato che vede il Picciola uscire dal comunale di Sant’Agnello con i tre punti. Una giornata dove sfortuna ed imprecisione hanno remato contro il Sant’Agnello che adesso nella pausa avrà la possibilità di riorganizzare le idee e farsi trovare pronto alla ripresa con l’arrivo dell’anno nuovo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!