Verso Sorrento-Solofra, il ds conciario Giuseppe Tornatore: “Avanti a piccoli passi, partendo da una salvezza tranquilla”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

tornatoreIl Campionato di Eccellenza vede il Sorrento affrontare domenica il Solofra, realtà ripartita dall’inferno della Terza Categoria scalando man mano tutte le categorie fino alla conquista del massimo campionato dilettantistico regionale attraverso l’accoglimento della domanda di ripescaggio dopo il 5° posto nel Girone C di Promozione vinto dall’Audax Cervinara. I conciari, pur essendo reduci da 2 sconfitte consecutive senza reti all’attivo contro Faiano  e Battipagliese, possono vantare una prima parte di stagione molto positiva. 15 punti raccolti in 13 partite:su tutti spicca il pari interno conquistato contro l’Ebolitana, costretta allo stop sullo sterrato Gallucci di Solofra. La compagine del mister Messina viaggia allo Stadio Italia con un rendimento esterno importante, con 6 punti raccolti espugnando i campi di Positano e San Tommaso, ed a 2 turni dal giro di boa viaggia alla media giusta per raggiungere la quota salvezza. Queste le parole del ds conciario Giuseppe Tornatore, che analizza dettagliatamente la nuova realtà irpina che può vantare un passato recente anche in Quarta Serie.

Quest’estate è giunto il coronamento di un lungo percorso che ha visto il Solofra ripartire dall’inferno della Terza Categoria, e dopo 2 stagioni in Promozione il premio del ritorno nella massima categoria dilettantistica regionale attraverso il ripescaggio. Riconoscimento reso possibile dall’ottimo lavoro della società a livello giovanile e dalla Coppa Disciplina che ha visto sempre il Solofra ai primi posti.

“Analisi giusta, poiché l’Eccellenza è stato un traguardo possibile anche grazie al lavoro svolto con solerzia nel corso degli anni. 2 stagioni fa abbiamo vinto in Promozione la Coppa Disciplina, nello scorso campionato siamo riusciti ad aggiudicarci tale riconoscimento con la Juniores, e dopo aver fatto le opportune valutazioni abbiamo constatato che gli alti punteggi ci avrebbero permesso di veder accolta la nostra istanza di ripescaggio. Così è stato, ed il Solofra si è classificato primo nella speciale graduatoria per l’ammissione in Eccellenza con notevole vantaggio su tutte le altre. Va perciò dato grande merito ad una società giovane che si propone di dare entusiasmo ed insegnare ai ragazzi i valori morali del calcio”

L’obiettivo dichiarato era quello di raggiungere una salvezza tranquilla: qual è il suo bilancio a poche giornate dal termine del girone di andata, con la squadra a quota punta 15 punti dopo 13 partite?

“Siamo pienamente soddisfatti di quanto espresso finora dal Solofra, sia per quanto riguarda i punti ottenuti in classifica, che per il gioco espresso dalla squadra. Dispiace soltanto aver lasciato lungo il percorso qualche punto contro alcune dirette concorrenti per la salvezza, ma nel complesso la società è contenta di questa prima parte di stagione e del gruppo allestito per raggiungere l’obiettivo della permanenza in questa categoria”.

Il Solofra partiva dallo zoccolo duro della scorsa stagione, con la conferma del mister Messina e di diversi calciatori che avevano già offerto un contributo importante. Tuttavia analizzando i numeri, 4 delle 11 reti messe a segno finora dal Solofra portano la firma di Del Grande. È stato lui il vero colpo messo a segno in estate dalla società?

“Siamo partiti dalla riconferma del tecnico, perché secondo noi si tratta di un valore aggiunto per questa squadra e non a caso guida il Solofra da ben 3 stagioni. Abbiamo poi mantenuto l’ossatura della squadra che ha ben figurato nello scorso campionato, perché sappiamo che un gruppo forte ci permette di sopperire all’assenza di grandi individualità che invece caratterizzano i top team di questo campionato. Abbiamo deciso di investire su Del Grande, perché è un attaccante di spessore che, al di là dei 4 gol, offre sempre un contributo importante sacrificandosi tantissimo per la squadra”.

Dopo un avvio molto forte, è giunto un momento di flessione con il Solofra reduce da 3 sconfitte nelle ultime 4 gare. Domenica va in scena una partita sulla carta molto complicata sul campo del Sorrento. Che partita si aspetta e come si può fermare una corazzata come quella costiera?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Fa piacere giocare a Sorrento, su un campo importante come lo Stadio Italia. Conosciamo naturalmente la forza della compagine rossonera, grandissima squadra partita con tutti i favori del pronostico per tagliare il traguardo della Serie D e le facciamo un grosso in bocca al lupo per tale obiettivo. Metteremo in campo la forza del gruppo, la nostra compattezza e poi vedremo quale sarà il verdetto del campo. Noi giochiamo tutte le partite per far punti, quindi non verremo a Sorrento per chiuderci con 10 calciatori dietro la linea della palla perché tale tipo di gioco non è nella nostra indole. Sappiamo di dover essere ancora più attenti e concentrati perché affrontiamo una corazzata i cui numeri parlano da soli, ma non tradiremo la nostra filosofia di gioco per fare le barricate”.

Il Solofra ha fermato sul proprio terreno l’Ebolitana sullo 0-0, e perso soltanto per una questione di episodi il match contro la Battipagliese. Mentre più nette sono sembrate le sconfitte contro Cervinara e Nola: qual è la sua impressione sulle dirette avversarie del Sorrento?

“Ormai siamo alla fine del girone di ritorno, ed abbiamo affrontato tutte le squadre eccezion fatta per Sorrento e Palmese. Se dovessi tracciare un bilancio, direi che l’unica squadra che ci ha messo veramente in difficoltà soprattutto nel primo tempo è stata il Nola. Squadra aggressiva, che non ci permetteva di esprimere il nostro gioco attraverso continui raddoppi di marcatura che bloccavano le nostre fonti di gioco. Abbiamo infatti chiuso il primo tempo sullo 0-2, mentre nei secondi 45 minuti di gara siamo venuti fuori accorciando le distanze e costringendo i bruniani a 2 salvataggi sulla linea prima che a tempo scaduto il Nola trovasse poi la terza rete in posizione dubbia. La gara contro la Battipagliese è stata un po’ strana, poiché decisa dall’episodio del rigore che ha sbloccato il match e chiusa da un tiro-cross che ha beffato il nostro portiere. La gara interna contro l’Ebolitana è stata molto equilibrata, senza grosse occasioni né da una parte che dall’altra, per cui ritengo che il pareggio a reti bianche sia stato il risultato più giusto. Anche il Cervinara è un’ottima squadra, noi l’abbiamo affrontata in trasferta e nel proprio impianto hanno un pubblico importante che sa come caricare la squadra. Tuttavia posso dire che siamo stati sostanzialmente ingenui nelle azioni che hanno portato alle due reti dei caudini, giunte sugli sviluppi di un corner ed a seguito di una disattenzione del nostro portiere. Sappiamo però che stiamo parlando di squadre che hanno investito tanto sul mercato,ed è sempre difficile riuscire a strappare punti preziosi. Per quanto riguarda il “nostro” campionato, credo che abbiamo fatto ottimi risultati andando ad espugnare l’ostico campo del San Vito Positano così come quello del San Tommaso. Allo stesso modo è stato fondamentale il 2-0 con il quale siamo riusciti a superare il S.M.Cilento in un importante scontro salvezza.

Promozione e zona play-out: come valuta le diverse compagini in lotta?

“Per la vittoria finale credo che sarà un gran duello tra Sorrento ed Ebolitana, squadre che dispongono di qualcosa in più rispetto a tutte le altre. Dopo queste due corazzate, ritengo che Cervinara, Nola, Battipagliese e Faiano saranno in lotta fino all’ultima giornata per un posto nei play-off. Infine per la zona salvezza non posso esprimermi, poiché in questo momento è ancora un grande punto interrogativo. Tutte le altre 10 squadre rischiano di essere risucchiate nei bassifondi, e la storia insegna che a dicembre inizia un nuovo campionato. Il San Tommaso si è rinforzato con Mallardo e Sorrentino, Rinascita Vico e Valdiano hanno cambiato 7/8 elementi, mentre la Picciola ha perso tutto gli over e probabilmente rifonderà il proprio organico. Bisognerà perciò vedere come i nuovi elementi riusciranno ad inserirsi nei meccanismi della squadra, e le prossime giornate potranno dirci qualcosa in più”.

Come si sta muovendo il Solofra in questi giorni? Partiti Russomanno e Fortino, è arrivato l’ex Sorrento Polichetti. In quali reparti manca ancora qualcosa da completare entro la fine della finestra invernale di mercato?.

“In questo momento la nostra priorità è quella di tesserare alcuni under che possano andare ad arricchire la batteria di giovani a nostra disposizione. Al 90% non ci saranno ulteriori movimenti di mercato, poi se dovesse capitare qualche buona occasione potremmo decidere di intervenire, sempre tenendo sotto osservazione il budget perché siamo una piccola società che lavora con oculatezza, portando avanti la politica di essere sempre precisi e puntuali nei rimborsi. In questo momento Solofra non può permettersi un campionato di vertice, per cui dobbiamo procedere a piccoli passi. Sapevamo che il campionato di Eccellenza sarebbe stato difficile, la prima parte è stata positiva e speriamo che anche il girone di ritorno proseguirà lungo la stessa scia per conquistare una salvezza tranquilla. Poi, nella prossima stagione, sulla base della nostra esperienza potremmo integrare qualche nuovo elemento in una base già ben collaudata per provare a fare un campionato diverso”.

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!