La Folgore cade e rimonta, Sabaudia vince al tie break

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IMG_0430Il ritorno all’Atigliana è di quelli da capogiro: Sabaudia.
La Folgore vuole dare continuità dopo il successo di Genzano, ma si trova al cospetto di una squadra tosta, esperta che scappa via due a zero tra errori dei costieri e giocate al fulmicotone.
Al termine del secondo parziale Esposito cambia poco, chiede massima concertazione e la ricetta fornisce i suoi effetti.
I costieri si rialzano poco alla volta. Lottano su tutti i palloni, prendono il terzo set e approfittano del black out ospite nel quarto. Ampio il margine con cui Palmeri e soci mettono tutto in parità.
Con un punto nel taschino la Folgore lotta anche nel tie break, ma la rimonta si blocca. Sabaudia costruisce un mini break di distacco che i costieri non riescono a colmare e chiude 15-13.
“Le persone che hanno trasformato il Palatigliana in uno stadio hanno visto una grande pallavolo”, si legge nel post lasciato sulla pagina Facebook, “Sotto 2a0 nel conto dei set, la Folgore ha dimostrato di essere una grande squadra, un grande gruppo capace di fare cose straordinarie”.
Una rimonta quasi epica a cui, però “E’ mancata la continuità ed un pizzico di fortuna in più nel finale. Finisce 15-13 al tie-break, 3a2 per Sabaudia ma a vincere e’ stato il grande volley! “.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!