Verso Sorrento-San Tommaso, Aniello Vitiello: “Felice di aver superato quota 1.000 minuti disputati in campionato”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

_ALE3542Il campionato entra sempre più nel vivo, ed il Sorrento sarà di nuovo in campo domenica pomeriggio ospitando il San Tommaso per dare continuità al successo ottenuto con grinta e personalità sul campo della Rinascita Vico. I rossoneri tornano davanti al proprio pubblico, con lo Stadio Italia che è il fortino inespugnabile come dimostrano i 13 punti conquistati sui 15 disponibili sotto la guida di Mario Turi . La consueta conferenza stampa pre-partita vede come protagonista il centrocampista Aniello Vitiello. 11 gettoni in campionato con il minutaggio più alto dell’intero gruppo a disposizione del tecnico costiero, unico calciatore ad aver sfondato il muro dei 1.000 minuti e leader della speciale classifica relativa agli assist. Metronomo del centrocampo, detta i tempi della squadra mettendo i compagni nelle condizioni più favorevoli per gonfiare la rete.

CREDERCI FINO ALLA FINE. “A Carbonara di Nola abbiamo conquistato 3 punti importantissimi, perché una grande squadra come la nostra è obbligata a giocare sempre per far bottino pieno. Aver vinto nei minuti di recupero è stata una dimostrazione di forza importante: vuol dire che siamo vivi, e ci crediamo sempre fino alla fine. Bisogna sempre stare sul pezzo perché tutto può cambiare nel giro di pochi istanti”.

SEMPRE PIÙ EQUILIBRIO. “Credo che rispetto ad alcune stagioni fa, il campionato si sia livellato maggiormente verso l’alto. In passato, a questo punto del campionato, si iniziava a scavare già un primo solco di 10-12 punti tra le prime due e le restanti squadre. Nel nostro girone vedo tanto equilibrio ma soprattutto continue battaglie da combattere su tantissimi campi, per cui nessuna gara può mai essere scontata. È vero che il campionato si vince soltanto con le piccole, ma tutte le partite sono importanti e possono rivelarsi decisive perché mettono in palio gli stessi punti”.

IRPINI DA PRENDERE CON LE MOLLE. “Mi aspetto un San Tommaso molto tosto, che verrà allo Stadio Italia a fare la sua partita tentando di portar via al meno un punto dal nostro impianto. La notizia che alcuni tesserati hanno rescisso il contratto che li legava alla squadra irpina non deve condizionarci più di tanto. Anzi, sarà ancora  più dura perché quando le squadre si trovano con l’acqua alla gola, riescono a tirar sempre fuori il meglio di sé”.

SFONDATO IL MURO DEI 1.000 MINUTI. “Non nascondo che la cosa mi fa piacere, anche se al di là di qualsiasi dato statistico ritengo che tale risultato sia dovuto alla capacità di mettermi sempre a disposizione dell’allenatore, adattandomi anche ad eventuali cambi di modulo. Aver superato quota 1000 minuti vuol dire che il mister mi tiene in grande considerazione, ma il nostro punto di forza è il gruppo e la differenza tra tutti noi è davvero minima”.

PIÙ ATTENZIONE SU PALLA INATTIVA. “Non sta accadendo nulla di particolare, ma è soltanto un periodo in cui alcune cose ci stanno girando male. Lavoriamo tanto in settimana sulla fase difensiva in situazioni di palla inattiva, e nonostante ciò ultimamente abbiamo incassato qualche gol di troppo su calcio da fermo. È un aspetto che ci deve comunque far riflettere, e sul quale tutta la squadra deve fare più attenzione.  Sappiamo benissimo che i calci piazzati possono farti vincere una partita bloccata e rivelarsi decisivi in ottica campionato”.

I TIFOSI LA NOSTRA ARMA IN PIÙ. “Da parte mia, e a nome di tutta la squadra, voglio fare un grande plauso ai nostri tifosi che ci sono sempre vicini a prescindere dal risultato. Mi sento di ringraziarli perché a Carbonara di Nola ma soprattutto a Cervinara, sono stati determinanti per darci ulteriore forza e spingerci alla conquista di una grande vittoria che è valsa il passaggio ai quarti di finale di coppa italia”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!