JUNIORES | A Scafati Izzo salva il Sorrento in extremis (1-1)

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

junioresLa fortuna non sorride alla squadra di Antonio Raiola, che non riesce a concretizzare l’enorme mole di lavoro prodotta e rischia addirittura la capitolazione. Le statistiche rivelano un predominio considerevole della squadra costiera sul piano di possesso palla e conclusioni verso la porta, ma tutti gli assalti vengono vanificati da una mira imprecisa oppure dal muro eretto dall’estremo difensore canarino. La Scafatese 1922 ottiene perciò il massimo risultato con il minimo sforzo, trovando la rete del vantaggio nell’unica vera azione da gol. Tutto accade sugli sviluppi di una palla inattiva, con una zampata vincente sul secondo palo che non lascia scampo a De Caro. Non mancano le proteste, poiché resta qualche dubbio sulla posizione del calciatore canarino che sembra scattare oltre la linea difensiva rossonera. La squadra accusa il colpo, ma è soltanto una questione di minuti perché man mano va riprendendo il bandolo della matassa creando almeno 4 nitide occasioni da gol con Verdoliva, Casadei, Maiorano e Gargiulo che trovano però la superba opposizione dell’estremo difensore canarino. Il forcing finale viene però premiato, ed in pieno recupero il Sorrento riesce a trovare la rete del meritato pareggio: calcio di punizione leggermente spostato sulla sinistra, palla tesa di Madonna verso il centro che trova l’inzuccata vincente di Izzo che allontana gli spettri di un ko che sarebbe stato amarissimo. 1 punto che permette ai rossoneri di smuovere la classifica salendo a quota 10, con il prossimo turno che proporrà una sfida di prestigio tra Sorrento e Savoia.

SCAFATESE 1922 – SORRENTO 1-1

SCAFATESE 1922: Balzano, D’Auria P., Laiola, De Riso, Russo, Zambrano (Capriglione), Gagliardi, De Rosa (Porzio), Schettino, D’Apice (Novi), Giannone (Sera).
A disp: D’Auria G., Karakhy.
All: Percuoco

SORRENTO: De Caro, De Gregorio (1’ st Veropalumbo), Esposito, Di Capua, Sabatino, Raimondi, Romano (1’ st Maiorano), Gargiulo, Verdoliva (5’ st Cinque), Madonna, Casadei (10’ st Izzo).
A disp: Angellotto, Reich, D’Auria A.
All: Raiola (squal.) In Panchina: Scala

Arbitro: Gianluca Milito di Nocera Inferiore

Note: Ammoniti: De Rosa (SC), Sera (SC), Novi (SC), Porzio (SC), Sabatino (SO) Recupero: 1’ pt, 6’ st

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!