La Folgore sbatte contro la Virtus Roma

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

IMG_0425A Roma arriva il primo ko stagionale per la Folgore.
Una sfida nata male, continuata altalenando cose buone a black out è chiusa 3-1 in favore dei capitolini.
“E’ arrivata la prima sconfitta e questo non è un dramma”.
Si legge sulla pagina Facebook della società.
“Abbiamo perso contro una squadra che ha giocato meglio di noi, con un vero spalla a spalla fatto di tante difese ed una solidità in seconda linea che ha fatto la differenza in una palestra che rispetto alla nostra Pulcarelli aveva in più solo una tribunetta laterale”.
Una cruda disamina della sfida di sabato nella capitale.
“La rabbia non sono i tre punti persi ma lo spirito smarrito di una squadra che a Tor Sapienza aveva saputo giocare come si deve giocare in situazioni di emergenza”.
I bianco verdi dovranno ritrovare lo spirito coniato nel motto “spallaaspalla” che è riuscito a rendere i costieri una macchina da guerra. Il tutto ad appena una settimana dal prossimo impegno.
“Tra appena sei giorni arriva la nuova capolista, l’Ottaviano, squadra dal DNA vincente che non a caso era stata l’ultima a batterci ben nove mesi fa e l’ultima a vincere al Palatigliana oltre un anno fa! Serve la partita della vita, non servono i singoli ma il gruppo, spalla a spalla”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!