Ebolitana-Sorrento 1-1 | Le dichiarazioni del mister Mario Turi e del capitano Francesco Scarpa

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

_AL26125Questa l’analisi del mister Mario Turi in conferenza stampa post-partita: “Credo che prima della gara in tanti avrebbero firmato per un pari sul terreno del’Ebolitana. Analizzando in maniera più dettagliata la prestazione, ritengo che la squadra ha disputato un grande primo tempo partendo benissimo anche in avvio di ripresa. Purtroppo abbiamo smesso di giocare troppo presto e devo capire il perché. È sostanzialmente questo il rammarico più grande, al di là dei 2 punti persi a pochi minuti dal fischio finale. Di fronte avevamo comunque un avversario importante, e sapevamo che nel secondo tempo avrebbe fatto di più in virtù dello svantaggio. La fase difensiva è stata fatta bene  perché concedere una sola palla gol all’Ebolitana in tutta la partita ci può stare perché gli eburini sono una squadra forte quanto noi. Non mi è piaciuta invece la gestione della palla, perché se non si riesce a chiudere la partita bisogna addormentarla. Sul gol incassato l’errore è a monte, perché quella palla doveva respinta sull’esterno piuttosto che centralmente. La scelta di partire con Bolzan dal primo minuto è stata dettata dalla necessità di contare su un pizzico di esperienza in più, giocando in trasferta su un campo ostico. Parliamo di un calciatore che ha fatto categorie importanti, e di conseguenza può offrire ulteriore tranquillità e solidità al reparto. Siamo consapevoli della nostra forza, ma dobbiamo evitare di smarrirci e pensare che le partite si possano gestire facendo soltanto fase difensiva e smettendo di giocare. Dobbiamo migliorare su questo aspetto, e ci lavoreremo per evitare errori simili”

Queste le dichiarazioni del capitano Francesco Scarpa, che sale a quota 4 in classifica marcatori diventando il top-scorer del Sorrento, dopo aver messo la prima griffe in trasferta sul campo della capolista: “Prima della partita non avremmo certamente disprezzato un punto al Dirceu. A fine gara è invece enorme il rammarico, perché abbiamo buttato via una partita dove per più di un’ora siamo stati superiori all’Ebolitana. Poi ci siamo un po’ abbassati, senza però subire mai nulla. Abbiamo incassato la rete del pari soltanto a causa di uno sfortunato episodio, per cui credo che questo punto ci stia veramente stretto. Andiamo però via da Eboli ancora più consapevoli della nostra forza. Dobbiamo migliorare nella gestione della partita e del possesso palla, ed è un aspetto che ci portiamo già dietro da qualche partita. È vero che il Sorrento affrontava la prima della classe, ma una squadra come la nostra non può permettersi di buttare via punti in questo modo. Quando è iniziata la seconda frazione di gioco, ho avuto subito l’impressione che se la partita fosse durata giorni non avremmo mai potuto subire gol perché l’Ebolitana non riusciva mai a metterci seriamente in difficoltà. Poi  il calcio è così, bisogna essere sempre attenti e concentrati perché ci sono calciatori che in questa categoria possono fare la differenza in qualsiasi momento. Sono molto critico con me stesso, cerco sempre di migliorarmi e so che posso dare ancora di più. Resto contento a metà per un gol che non è servito a conquistare l’intera posta in palio, ma era importante non perdere e ci siamo riusciti”.       

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!