Nardo:”Tre punti pesantissimi”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Francesco Nardo è comunque soddisfatto

Francesco Nardo è comunque soddisfatto

“Mai avuto il timore di perderla”.
Francesco Nardo dimostra certezze nel post gara con il Solofra. Un successo in rimonta con una diretta concorrente per la permanenza nella categoria.
“Il peso specifico dei tre punti ottenuti è devastante”, spiega, “Dopo lo svantaggio ho visto un gruppo pronto a reagire”.
Sotto dopo due minuti il Sant’Agnello ha messo alle corde il proprio avversario, lo ha raggiunto, prima, e sorpassato nel finale.
” La partenza ad handicap non ci ha condizionato, perché siamo stati bravi a reagire”, evidenzia il tecnico bianco azzurro, “Nel secondo tempo li abbiamo messi alle corde e abbiamo vinto con merito”.
Una vittoria targata ancora una volta da Marino. Il giovane ’98, reduce dall’esperienza a Massa, ha iniziato dalla panchina ed è stato determinante.
“Gestire i giovani è sempre complicato, perché sono altalenanti nel rendimento”, ammette Nardo, “Il mio compito è quello di gestirli al meglio”.
L’allenatore dei costieri guarda alla classifica con maggiore tranquillità.
“Non mi rammarico di quanto perso in avvio di stagione, perché oggi siamo in linea con quello che ci eravamo prefissati”, conclude, “È stato importante vincere, perché ci attendono gare ancora più difficili”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!