Fipsas: Doppio terzo posto per il Poseidon agli Italiani

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I due alfieri del Poseidon a podio: Crimaldi a sinistra, Liguori tri-campione italiano a destra

I due alfieri del Poseidon a podio: Crimaldi a sinistra, Liguori tri-campione italiano a destra

Erano ormai tre anni che Liguori non abbandonava il gradino più alto del podio nel Safari Fotosub Categoria ARA reflex. Là favole, questa volta è giunta alla parola fine.
L’alfiere del Poseidon nella finale 2016 che si è disputata a Bonassola dal 04 al 09 ottobre ha chiuso al terzo posto.
A dare la spallata è stata una grande prestazione del rappresentante dello Sciacca Full immersion, Santo Tirnetta e di Davide Lombroso del CiCaSub Bogliasco. Gianpiero Liguori ha dovuto accontentarsi del terzo gradino del podio. Forse qualche rammarico per una prestazione sotto tono nelle due giornate di competizione che comunque hanno visto premiare il sub peninsulare con il premio per la foto più significativa della competizione per Società. Discorso diverso, invece, per la categoria apnea compatte dove Crimaldi ha attraversato, veramente, una settimana sfortunata.
nfatti nella prima competizione, quella a squadre, in compagnia di Liguori ha subito l’allagamento della custodia al primo tuffo, dovendosi così ritirare e lasciare il compagno gareggiare da solo e terminare al nono posto. Nella gara individuale, utilizzando una attrezzatura rimediata con l’aiuto di un altro concorrente, è riuscito “soltanto” a raggiungere il terzo posto alle spalle del campione uscente Giuseppe Pagliuso e del giovanissimo Simone Marrassini neo campione italiano, entrambi del Sestri Levante. Mario, ha dovuto abbandonare la competizione nella parte finale per un lieve malore che però il medico di gara ha ritenuto non compatibile con il prosieguo della competizione e quindi fermandosi al quinto posto della stessa classifica del Crimaldi.
Tutto sommato una onorevole prestazione degli atleti del Poseidon viste le vicissitudini a cui sono stati sottoposti. Ora non resta che rimboccarsi le maniche e prepararsi alla prossima stagione agonistica che inizierà il 6 novembre a Crotone, sito dove, molto probabilmente si disputeranno i prossimi Campionati italiani 2017.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!