Fortitudo basket Sorrento: Si cresce, nel segno degli Under

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

u16 fortMinibasket e 1 Divisione rappresentano gli antipodi di una piramide che vede questi due gruppi rispettivamente alla base ed all’apice. Nel mezzo, il corpo di una costruzione che senza di esso non potrebbe completarsi in maniera armoniosa. Il corpo, il centro, del progetto della Fortitudo è rappresentato da due formazioni, U15 e U16 che sono il presente ed il futuro non solo della società costiera ma anche del movimento cestistico peninsulare. Guidata da Giuseppe Esposito come coach, l’U15 è da guardare come un laboratorio, una fucina dove vengono lavorate, cesellate e rafforzate quelle basi tecniche e di crescita non solo a livello cestistico ma anche del ragazzo in se come singolo individuo. Il gruppo è un puzzle perché comprende U16 (annata 2002) ed U14 (annate 2003/2004), dove la sua composizione prevede un duplice obiettivo: gli U16 possono fare esperienza in un campionato per la loro categoria, visto che hanno fino ad ora giocato competizioni con fasce di età più grandi, mentre per gli u14 è un elemento di crescita dove sia in allenamento che in partita possono confrontarsi e giocare con chi ha più esperienza di loro. Una sfida importante quella di rendere omogeneo questo mix, la quale è stata presa in carico da un’esordiente Giuseppe Esposito che ha assunto questo incarico con grande determinazione, voglioso di mettersi alla prova alla sua prima esperienza da capo allenatore:“Certamente ci sarà da fare un bel lavoro poiché si viene a formare un “gruppo” nuovo, da amalgamare e plasmare e dove ci sono ragazzi che quasi mai hanno giocato insieme. D’altro canto le qualità e la voglia di far bene ci sono, le ho intraviste in queste prime settimane di allenamento e sono sicuro che possiamo crescere e fare bene. Per quanto riguarda me, sono alla prima esperienza da “primo” allenatore e per questo devo ringraziare tutta la società, in particolare la presidentessa Giuseppina Stinga e Gianna Balsamo che hanno creduto in me sin da subito. Ho fatto un po di esperienza negli ultimi anni come assistente e adesso mi sento pronto per guidare questi ragazzi e toglierci qualche piccola soddisfazione”. Per quanto riguarda l’U16, il testimone in panchina è stato ereditato da coach Cascella che ritorna ad allenare quei ragazzi con cui aveva raggiunto una post season incredibile due anni fa in U14. Un bel gruppo che gioca insieme da un po, sembra molto affiatato in campo e che l’anno scorso ha disputato una discreta stagione che si è interrotta solamente nella seconda fase. Gli obiettivi fondamentali e la voglia di far bene sono esplicati dalle parole del giovane coach:”Ritrovo con orgoglio questo gruppo dopo aver conquistato degli ottimi risultati due anni fa. Li ritrovo molto cresciuti dal punto di vista difensivo grazie anche al lavoro fatto con il coach che mi ha preceduto la scorsa stagione. Per quanto riguarda quest’anno, invece, vogliamo migliorarci partita dopo partita e soprattutto lavorare per aggiungere maggiore pericolosità alla nostra fase offensiva che è un po mancata l’anno scorso. C’è anche un ritorno importante in gruppo con Pierluigi Coppola che ritorna dopo una bella esperienza a Castellammare e che potrà darci sicuramente una mano. Molti dei ragazzi 2002, faranno un doppio campionato per avere maggiore continuità ed accumulare esperienza sul campo. Una decisione che abbiamo preso in accordo con tutti gli allenatori dello staff per far crescere i ragazzi”. 

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!