Fortitudo Basket Sorrento: Si riparte dalla 1^Div. con uno staff a marchio Fortitudo

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

LogoFortitudoRitorna dopo un’assenza di ben due anni una formazione senior a marchio Fortitudo che aveva interrotto la sua storia nei campionati maggiori con la salvezza conquistata 730 giorni fa in Promozione. Di quella salvezza faceva parte proprio chi ora guiderà un roster interessante che sotto i colori fortitudini punterà a fare un campionato di 1^Divisione di alto profilo: Coach Enrico Cascella ritorna sulla panchina di una formazione senior dopo quella parentesi avuta proprio in Promozione nel girone di ritorno di due anni fa, e questa volta ha avuto la possibilità di pianificare dall’inizio una stagione che si presenta assolutamente interessante. Un gruppo ed un coach che hanno una particolarità, tutti i componenti sono della penisola e tutti cresciuti, come giocatori, nel settore giovanile della Fortitudo-Magic. Un’impronta territoriale voluta dalla società che ha voluto perseguire questo progetto tutto “fatto in casa” poggiandosi sulla consapevolezza di tutto il gruppo di cosa significhi indossare i colori della Fortitudo e la volontà di trasmettere all’esterno quell’immagine importante che la società costiera ha saputo costruirsi nel tempo. Voglia di far gruppo, crescere insieme e migliorarsi sono anche i valori che traspaiono dalle parole proprio del giovane Head coach Cascella:” Innanzitutto è un gruppo nuovo che deve amalgamarsi e di conseguenza il nostro obbiettivo primario è quello di crescere gara per gara in campo ed in allenamento  come intesa sul campo e di squadra; dal punto di vista tecnico l’obbiettivo è quello di provare a salire e conquistare la Promozione, perché questo è un bel gruppo che può fare strada, formato da ragazzi più esperti con diversi campionati anche di Promozione alle spalle, e alcuni giovani provenienti dall’U18 che si affacciano per la prima volta ad una competizione senior. Per questo fare gruppo è importante e stare insieme anche fuori dal campo è fondamentale per avere la giusta sintonia e far sentire quello spirito di grande familiarità tipico della stessa Fortitudo. Dal lato tecnico, siamo in preparazione, ma ho potuto costatare che dal lato delle caratteristiche tecniche siamo abbastanza omogenei, dove i valori sono allo stesso livello per tutti. Ciò mi fa piacere perché potendone portare solo 12 in partita avrò difficoltà a fare le mie scelte. I ragazzi si allenano tutti al massimo, l’importante è rimanere positivi anche nei momenti difficili e anche se qualcuno può restare fuori sa che non è escluso, ma fa parte del gruppo e avrà sicuramente le sue occasioni. Il campionato inizierà tardi (fine Novembre) e sarà importante fare qualche amichevole per avere subito il ritmo partita oltre che per aumentare la nostra intesa e la fluidità nel nostro gioco. Siamo fiduciosi e partiamo come sempre per giocare e divertirci.” A spiegare la scelta di ricominciare dalla 1^Div., invece, ci ha pensato la stessa presidentessa Stinga: “Grazie alla storia ed alla positiva considerazione che la Fortitudo riscuote anche a livello federale, avremmo potuto riproporci tranquillamente per la Promozione. La nostra è stata una decisione progettuale, nel senso che, ricominciare un nuovo corso dalla 1^Divsione per conquistarsi la Promozione sul campo, serve sia a noi per crescere come società, sia ai ragazzi che ottenendola lottando sul parquet, sono maggiormente gratificati nel loro percorso di crescita di squadra ed individuale”. 

 

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!