Fortitudo Basket Sorrento: Presidentessa Stinga:”Ripartiamo con un progetto di basket per la penisola”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

LogoFortitudoQuest’anno si respira un’aria nuova, diversa, sotto i canestri della penisola sorrentina. Questo perché il basket a Sorrento sembra aver iniziato un nuovo corso basato su programmazione a lungo termine, tante ed innovative idee ed una base solida, storica, da cui far ripartire il motore di una macchina che da anni aveva bisogno di un po di manutenzione. Si è tirata una sorta di riga, si è fatto il punto su come coinvolgere ed espandere un movimento che si stava un po indebolendo al di là delle attività sempre presenti in penisola per quanto riguarda la palla a spicchi. Innovazione, passione soprattutto, e voglia di cambiare le ha dimostrate la Fortitudo Basket Sorrento con la sua dirigenza in ‘primis’ che nelle vesti della presidentessa Giuseppina Stinga ci racconta com’è nato questo “new deal”e quali saranno i suoi sviluppi:” Questo nuovo progetto è nato quasi immediatamente e l’abbiamo concepito per la Penisola Sorrentina ed il movimento cestistico, ma soprattutto per dare ancora più forza alla voce dello sport qui sul nostro territorio. Ogni giorno sia la Società che i genitori degli iscritti compiono molti sacrifici pur di offrire ai piccoli  una struttura seria, competente, sana, che possa accompagnarli dall’inizio della propria attività sportiva fino alla prima squadra.  Abbiamo iniziato a lavorare dalla base, da un piano di marketing e di comunicazione studiato nei minimi dettagli. Abbiamo messo su un sito internet, una pagina facebook che tutti possono consultare per sapere tutto della nostra famiglia Fortitudo ed una campagna di informazione che coinvolgesse il più possibile per avvicinare quanti possono vedere nel basket i valori fondanti di crescita e benessere. Abbiamo anche deciso di cambiare dal punto di vista delle divise per dare maggior senso a questo cambio netto intrapreso con questa nuova avventura. Per quanto riguarda la gestione della Società ho pensato ad un organigramma ampio, costruito in modo tale da coinvolgere in maniera capillare chi gravita attorno al mondo Fortitudo, ma anche per non lasciare nulla al caso e nessun aspetto della nostra attività scoperto. Gestire tutte le categorie non è assolutamente un compito facile. Ogni componente della Società sa qual’è il proprio compito ed ha la piena autonomia per operare in maniera serena nel proprio lavoro: allenatori e collaboratori, divisi tra le varie categorie, sono tutti rigorosamente selezionati ed abilitati dalla F.I.P.; dirigenti e accompagnatori,  responsabili e competenti fanno tutti parte di un paino di sinergia comune che  ha lo scopo di dare alla Fortitudo Basket  un’immagine di altissimo livello tecnico e logistico”. Alle domande invece del perché un genitore dovrebbe affidarsi alla Fortitudo, la presidentessa:” Perché la Fortitudo basket, oggi, offre una competenza tecnica eccellente, questo non lo dico solo io ma lo dicono anche i numeri.. Dal puro divertimento per i più piccoli alle basi tecniche per i più grandi. Anno dopo anno infatti i nostri iscritti sono in continuo aumentano”. Ed infine, l’auspico per questa stagione che sembra davvero quella della svolta sotto i colori della storica società costiera: ” Come in ogni stagione gli impegni saranno tanti e porteranno via tempo, danaro e tanti sacrifici. La competizione deve esserci sempre in tutti i campionati ed a tutte le età. Questo però viene sostenuto dall’elemento principale, la passione, che è per ciascun ruolo che abbiamo in società lo strumento fondamentale per raggiungere l’obiettivo comune prefissato. I piccoli atleti devono imparare a confrontarsi con i loro coetanei anche fuori le mura delle nostre palestre, poiché questo è un elemento costitutivo del loro percorso di crescita. L’auspicio, per tutti, è di credere sempre in ciò che si fa e di ottenere tantissime soddisfazioni.”. Parole chiare e concise che lasciano intendere tutta la voglia di fare bene ed iniziare una stagione che sarà davvero interessante.

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!