FOCUS | Alla scoperta dell’Afro Napoli United, avversario in amichevole del Fc Sorrento

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

afro napoli unitedLa città di Sorrento è da sempre meta turistica di fama mondiale, con tantissime migliaia di persone che anno dopo anno viaggiano verso questo angolo di paradiso per ammirarne le bellezze architettoniche e paesaggistiche. Accoglienza e ospitalità sono i valori propri della città del Tasso, e probabilmente non è un caso che la terza amichevole stagionale vedrà i rossoneri di Mario Turi affrontare l’Afro Napoli United. Una realtà che non può essere ridotta soltanto ad una squadra di calcio, ma il pallone è visto come un modo per veicolare il concetto di multiculturalità. La squadra guidata dal mister Francesco Montanino è da sempre composta da tantissimi migranti allo scopo di favorire l’interazione con il popolo napoletano per una società multietnica. Interazione piuttosto che integrazione, termine improprio poiché richiama l’esistenza di un soggetto attivo che “integra” uno passivo.

I ragazzi che difendono i colori dell’Afro Napoli United si rifanno a un nucleo prevalente che proviene dall’isola di Capo Verde, potendo però allo stesso tempo vantare calciatori originari di Ecuador, Paraguay, Perù, Sri Lanka, Gambia, Senegal, Marocco, Algeria e Tunisia. Curioso anche il caso dell’inglese Hugh Williams, da pochi mesi diventato anch’egli extracomunitario a seguito del Brexit.

L’Afro Napoli United nasce nel settembre del 2009 grazie all’idea del presidente Antonio Gargiulo e dei senegalesi Sow Hamath e Wat Samba Babaly allo scopo di combattere qualsiasi forma di discriminazione e favorire la convivenza tra napoletani e migranti. A causa di alcune limitazioni imposte dalla FIGC, il sodalizio napoletano inizia la trafila nei campionati dell’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport) vincendo subito Coppa Partenope e Supercoppa AICS.  Quindi la stagione 2011/12 è quella più prolifica con la compagine multietnica che si aggiudica tutti i trofei in palio: Coppa Partenope, Torneo Napoli d’autore edizione estiva e invernale, un campionato regionale AICS Campania ed un’altra Supercoppa AICS. Nel 2013 la FIGC modifica alcune norme che limitavano l’accesso dei migranti ai campionati federali dilettantistici, cosicché l’Afro Napoli United (nel frattempo salito agli onori delle cronache per essere la prima squadra campana a vincere un campionato nazionale AICS) può partecipare per la prima volta al campionato di Terza Categoria. Una stagione trionfale, che si conclude con 15 vittorie, 5 pareggi e sole 2 sconfitte, ma soprattutto ben 91 reti realizzate. Nonostante il secondo posto a sole 3 lunghezze dalla Kema Atletico Flegreo, la promozione in Seconda Categoria giunge attraverso la fase post-season. La stagione successiva l’Afro Napoli United raddoppia ed è una squadra schiacciasassi che agli avversarsi lascia soltanto le briciole: 20 vittorie e 4 pari in 26 gare, miglior attacco (84) e miglior difesa (20) di un torneo dominato in lungo e in largo con 12 punti di vantaggio sul Cardito Calcio. Ma non c’è due senza tre come recita un famoso proverbio ed in Prima Categoria è ancora l’Afro Napoli United ad issarsi sul gradino più alto del podio, vincendo la strenua resistenza del San Giuseppe fermatosi a soli 4 punti di distanza.

La compagine multietnica  si prepara quindi al primo campionato di Promozione della propria storia con obiettivi così delineati dall’addetto stampa Francesco Pugliese: “Per noi la Promozione è un esordio assoluto. Siamo una società giovane che è partita dalla categoria più bassa ritrovandosi a disputare un campionato importante dopo aver ottenuto 3 promozioni consecutive. Crediamo molto nell’organizzazione, nel nostro staff e nei ragazzi, pur essendo consapevoli che sarà difficilissimo riuscire a recitare un ruolo da protagonisti. L’obiettivo primario è senza ombra di dubbio quello di ben figurare”.

L’Afro Napoli United sarà quindi carico per la prima uscita davanti al proprio pubblico e per il mister rossonero Mario Turi si tratterà di partita vera dalla quale prendere spunti importanti in vista dell’imminente avvio della stagione ufficiale.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!