Tutto fatto. Il Fc Sorrento c’è

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Fc SorrentoCi sarà il Sorrento ai nastri di partenza dell’Eccellenza.
Un Sorrento in rossonero che si candida ad essere protagonista del campionato che verrà.
Le anticipazioni, le soffiate si sono rivelate esatte. In costiera si farà calcio, all’Italia giocherà una squadra con il nome che richiama la Città del Tasso.
Dopo le ultime riunioni di lunedì sera, martedì i vertici del club hanno depositato in federazione gli incartamenti necessari. Tutto fatto, dunque, con tanto di firme e di fusione. Infatti, è stata necessaria un unione di due società per consentire la rinascita del calcio nella terra delle sirene.
Il pool di imprenditori che fa capo a Franco Giglio ha trasferito di fatto il titolo del Sant’Antonio Abate a Sorrento. Questa semplice operazione da sola non sarebbe bastata per far creare una nuova società, ne serviva un’altra. Quale? Un club che riportasse nel nome proprio Sorrento.
La disponibilità a Giglio è stata fornita dal presidente dell’Atletico Sorrento, Carlo Gargiulo. La sua squadra aveva partecipato alla C2 di Futsal. Con Gargiulo sono bastati pochi incontri, perché con il ragioniere, con la passione per il calcio a 5, l’intesa è stata totale.
Il nuovo Football Club Sorrento prenderà parte a due campionati. Si tratta dell’Eccellenza e della serie C2 di Futsal.
Il nuovo organigramma vede entrare ufficialmente in società con la carica di numero uno l’avvocato Giuseppe Cappiello. A Carlo Gargiulo spetterà il ruolo di vice presidente.
Giungono anche conferme su quelli che saranno i partner del club.
La MSC è pronta a fornire il proprio contributo. Non sarà la sola, perché ci saranno ancora una volta l’imprenditore turistico Paolo Durante e l’armatore Salvatore Di Leva.
Un gruppo che ha sposato il progetto di rinascita. Una rinascita che passerà dalla guida tecnica di Mario Turi e dalla creazione di un gruppo giovane, ma di qualità.
La notizia dell’ufficialità della nuova squadra giunge dal portale internet del vecchio Sant’Antonio Abate.
“Il titolo è stato esportato in penisola dopo che l´appello del presidente agli imprenditori locali per un supporto economico è caduto inascoltato”.
Queste le ferme parole dell’ex numero uno del sodalizio giallo rosso.
“La squadra, che aveva chiuso la stagione con la conquistata della permanenza in Eccellenza e senza alcuna pendenza economica in sospeso, dal prossimo campionato di fatto non esisterà più.”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!