Un buon Massa passa 3 volte in vantaggio e cede soltanto nei minuti finali (4-6) alla Sarnese

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

sarnese massaSotto un caldo sole primaverile il Massa Lubrense ha affrontato la Sarnese in un test amichevole che ha offerto interessanti indicazioni in vista del play-out previsto per la prossima settimana. 6-4 il risultato finale a favore dei granata, ma la squadra di Giulio Russo non ha assolutamente demeritato al cospetto di una squadra di categoria superiore che occupa l’8° posto nel girone I di Serie D dopo una prima parte di stagione in cui è stata stabilmente in zona play-off. I nerazzurri sono passati per ben 3 volte in vantaggio, salvo poi cedere nei minuti finali dopo l’ultimo aggancio operato dalla Sarnese sul 4-4.
L’avvio è tutto di marca costiera e vede Cacace sugli scudi. L’attaccante prima costringe l’estremo difensore granata alla parata in due tempi, poi lo beffa con un bel tiro a giro da sinistra che si insacca sul secondo palo. Quindi Breglia, con un calcio di punizione dal limite, sfiora il raddoppio con il portiere che vola a togliere la sfera dall’angolino basso alla propria sinistra. Nel miglior momento del Massa Lubrense, i padroni di casa trovano il pari al 21’ e 3 minuti più tardi passano a condurre con un tiro dal limite che non lascia scampo a Stinga. La squadra di Giulio Russo non si disunisce ed alla mezz’ora pareggia i conti. Punizione dalla sinistra di Breglia, sulla respinta della difesa Marino si coordina perfettamente facendo partire una gran conclusione al volo che sorprende il portiere leggermente fuori dai pali. Sulle ali dell’entusiasmo il Massa torna di nuovo avanti. Cacace serve Marino, che premia  l’inserimento a sinistra di Maggino: primo tiro deviato dal portiere che non può nulla sul successivo tap-in a botta sicura. Il match non conosce soste, ed al 39’ la Sarnese trova il 3-3 con un diagonale vincente dalla sinistra. Il Massa non si arrende e nei minuti finali della prima frazione di gioco produce un forcing veemente che porta ad un paio di occasioni limpide. Da un corner a sfavore nasce una fulminea ripartenza con Marino che dalla destra mette al centro per Cacace, il quale supera il portiere con un pallonetto ma la gioia del gol è strozzata dall’intervento di un difensore che spazza sulla linea. L’ultima occasione capita sui piedi di Marino, ben imbeccato da Cacace, ma la sua conclusione è contrata.
Nella ripresa il Massa passa di nuovo a condurre grazie a Lino Fiorentino, che va via nello stretto a un avversario e fa secco il portiere con un preciso diagonale che si insacca all’angolino. Dopo uno strepitoso intervento di Iaccarino, da una disattenzione nasce la rete del 4-4 che taglia le gambe alla squadra costiera che al 79’ e all’86’ subisce altre due reti che fissano il risultato sul definitivo 6-4.
Buon test quindi per la squadra di Giulio Russo, soprattutto per quanto riguarda movimenti e trame di gioco offensive. Domani seduta pomeridiana fissata per le 14:30 allo Stadio Cerulli.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!