FC Sorrento, il bilancio di Giglio: “L’obiettivo non cambia, vogliamo la D”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Franco Giglio

Franco Giglio

Nel giorno in cui sfuma definitivamente la promozione diretta in serie D, Franco Giglio traccia il primo bilancio della stagione rossonera. Con lucidità e trasparenza, il coordinatore del progetto rossonero espone lo stato dell’arte nell’ambiente rossonero e, soprattutto, ribadisce a chiare lettere l’intenzione di raggiungere la serie D: “Innanzitutto, voglio fare i complimenti al Città di Nocera per la vittoria del campionato. Resta, però, l’amarezza per quanto accaduto in questi ultimi giorni, con l’autorizzazione allo spostamento in campo neutro che ha fornito ai nostri avversari diretti un vantaggio considerevole in un match che li vedeva comunque già ampiamente favoriti per la vittoria. Scelte del genere minacciano la regolarità del campionato, qualcuno al Comitato Regionale dovrà dare delle risposte. Allo stesso tempo, sono il primo ad ammettere i miei errori, tra cui quello di esonerare Turi dopo il pareggio di Palma Campania. Per quanto riguarda le questioni interne alla società, credo non sia questo il momento adatto per discuterne: ci saranno modi e tempi per farlo, ora dobbiamo rimanere tutti concentrati verso l’obiettivo serie D, da raggiungere stavolta con i play – off nazionali. Voglio, invece, ringraziare ancora una volta chi, persone fisiche e giuridiche, ha creduto come me sin dall’inizio in questo progetto. Como loro, mi dispiace constatare che i primi problemi li abbiamo avuti proprio all’interno del nostro ambiente, finanche da chi in passato era vicino al calcio sorrentino: fin dall’avvio del nostro progetto, siamo stati considerati senza alcun motivo il nemico da abbattere. Non crediamo di meritare questo trattamento perchè, senza alcun tornaconto, stiamo puntando a ridare credibilità al calcio nel nostro territorio. Ci abbiamo messo impegno e sacrificio personale, ricevendo in cambio solamente offese e falsità. Continuiamo comunque a sperare che in futuro l’intera penisola sorrentina calcistica sia al nostro fianco, poiché il progetto di rinascita del calcio a Sorrento ha bisogno di tutti per raggiungere i traguardi prefissati”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!