Verso Massa Lubrense – San Tommaso | Giulio Russo: Pensiamo a concludere nel migliore dei modi la stagione, poi testa al play-out”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

russo
Il pareggio ottenuto al Comunale di Brusciano ha purtroppo spostato nuovamente gli equilibri nella classifica del Girone B. La vittoria del Castel San Giorgio sul campo del Valdiano ha permesso alla squadra di Del Sorbo di agganciare il Massa Lubrense in classifica, disponendo però del vantaggio di aver vinto entrambi gli scontri diretti. A 90 minuti dal termine della stagione regolare i nerazzurri hanno assoluta necessità di vincere ed allo stesso tempo sperare nell’impresa di un Faiano già salvo al Domenico Sessa per ribaltare nuovamente le gerarchie e disputare il play-out tra le mura amiche dell’impianto di Via Arenaccia. Al di là di tutto, la squadra guidata da Giulio Russo vorrà chiudere nel migliore dei modi davanti al proprio pubblico allungando a quota 11 i risultati utili nelle ultime 12 gare. Il San Tommaso mantiene ancora chance di salvezza diretta, potendo approfittare della trasferta impossibile della Scafatese 1922 allo Stadio Italia contro il Fc Sorrento per mettere la freccia e conservare la categoria.  Il mister costiero ha lavorato tanto in settimana per evitare cali di tensione in vista del rush finale.

Il calcio a volte sa essere crudele. Il Massa si troverà a disputare il play-out pur avendo disputato un girone di ritorno straordinario. La Scafatese 1922, ultima squadra salva direttamente, ha conquistato appena 13 punti, ben 7 in meno rispetto alla squadra costiera.

“Sono una persona a cui scorre calcio nelle vene, per cui credo ancora alle favole. Conosco il presidente del Faiano e sono certo che andranno a Castel San Giorgio per giocarsi la partita. In tutta onestà credo che abbiamo soltanto un 10% di possibilità di ribaltare la classifica , per cui siamo pronti a disputare il play-out in trasferta. Ora pensiamo a concludere nel migliore dei modi la stagione, e poi dalla settimana prossima inizieremo a preparare l’ultima gara, quella più importante che vale il mantenimento della categoria. Undici sono loro ed undici siamo noi, la palla è rotonda e non siamo inferiori a nessuno”.

Il pari contro la Mariglianese, unito all’inatteso successo del Castel San Giorgio a Valdiano, ha complicato i piani in vista della gara da dentro o fuori. Se il Faiano non dovesse far risultato a Castel San Giorgio, anche una vittoria sarebbe vana ed il play-out si disputerebbe in trasferta.

“Ho toccato questo tasto con i miei ragazzi in settimana, bacchettandoli vigorosamente perché l’atteggiamento di Brusciano non mi è piaciuto. Ho visto una squadra spenta, che ha giocato come fosse già salva, disputando tutto il secondo tempo in superiorità numerica senza mai tirare in porta. Sarebbe stato fondamentale vincere per disporre di quel piccolo vantaggio che ti dà la possibilità di giocarti il play-out in casa. Non ci siamo riusciti ma non è il caso di far drammi, si tratta pur sempre di una semplice partita di calcio che si può vincere anche giocando lontano dal Cerulli”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

 La partita di domenica non ammetterà calcoli, poiché entrambe le squadre sono ancora in corsa per i rispettivi obiettivi. Il Massa per disputare il play-out al Cerulli, mentre il San Tommaso ha la possibilità di sopravanzare la Scafatese 1922 impegnata a Sorrento e staccare il pass per la salvezza diretta.

“Siamo abituati a giocare partite vere perché contro il Massa Lubrense hanno giocato tutti la partita della vita senza regalare nulla. E l’esempio più lampante è proprio la gara di domenica scorsa a Brusciano. Sarà senz’altro una partita dura perché entrambe le squadre sono ancora in corsa per raggiungere gli obiettivi stagionali, ma allo stesso tempo sarà fondamentale evitare infortuni ma soprattutto squalifiche che possano pregiudicare la presenza in campo nella gara decisiva del play-out”.

Ultima gara davanti al pubblico del Cerulli, per cui la squadra vorrà chiudere in bellezza portando a casa l’intera posta in palio, ed allo stesso tempo un’opportunità per riscattare il ko rimediato nella gara di’andata.

“Se giochi solo per difenderti prima o poi subisci gol, per cui la mia filosofia è sempre quella di proporre un gioco offensivo, senza perdere di vista equilibrio e sicurezza, per poi cercare di far male quando se ne presenta l’opportunità. Purtroppo ci sta mancando cinismo sotto porta e lo abbiamo pagato in diverse occasioni. Per quanto riguarda invece la gara di Avellino dobbiamo rimproverare soltanto noi stessi, perché siamo stati molto ingenui buttando alle ortiche una partita già vinta. Sotto di una rete, in avvio di ripresa avevamo trovato subito il gol del pareggio e costretto il San Tommaso in inferiorità numerica. Fu un assedio, ma alla fine perdemmo la gara subendo gol in contropiede. Disattenzioni che in più di un’occasione ci son costate punti importanti. Proprio per questo in questi giorni ho lavorato più sotto il profilo mentale che fisico in vista dei prossimi impegni”.   

Il San Tommaso ha il secondo peggior attacco del girone di ritorno: soltanto 9 gol fatti, di cui appena 4 in trasferta. Sulla carta una gara che non dovrebbe mettere più di tanto a dura prova la solidità difensiva nerazzurra.

“Bisognerà sempre fare attenzione perché il San Tommaso è una buona squadra che può disporre di due ottimi attaccanti come Carnicelli e Oladapo. Il primo è un elemento di categoria, mentre il secondo è uno dei migliori under in circolazione. È un ’97 molto interessante che nella gara di andata mi è piaciuto molto al di là della rete realizzata, perché combatte, fa sponde e si muove molto bene. Dovremo stare sempre con gli occhi aperti, cercando di far gol appena ne avremo l’opportunità”.   

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!