Al Fc Sorrento bastano 40minuti per il poker

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Doppietta per Vitale. L'attaccante spera nel titolo di capocannoniere (foto Penna)

Doppietta per Vitale. L’attaccante spera nel titolo di capocannoniere (foto Penna)

38minuti di gioco, quattro reti e pratica San Tommaso liquidata senza colpo ferire.
Il Football Club esce dal Roca di Avellino con la consapevolezza di aver ha gettato al vento il campionato o almeno lo spareggio.
C’è voluta mezz’ora per rendere vano il sano agonismo che animava la truppa di Silvestro. I costieri si ripetono contro i bianco verdi e mettono sul tavolo verde un poker d’assi, o meglio una doppia coppia.
Sono Vitale e Del Sorbo a cercarsi e trovarsi con Gargiulo a ottenere il penalty del raddoppio.
Una partita che c’è stata solo per 10minuti.
Il tempo del raddoppio costiero per entrare nella fase pilota automatico.
Palleggio tanto e affondi giusti. Rischi ridotti al lumicino e Russo che manda in scena la versione plastica sul film girato di testa da Tornatore.
La scioltezza con cui il San Tommaso va all’angolo è pari solo alla devastante superiorità dimostrata da Serrapica e soci.
Mensah si disimpegna bene sia da mezzala sinistra, sia da centrale, mentre Terminiello mette minuti nelle gambe anche in posizioni non sue. Maisto cresce come il rammarico di quello che è stato.
A Turi non resta che cogliere gli input, le indicazioni che i suoi ragazzi sapranno fornirgli. Il primo? Vitale capocannoniere.
Gli altri? La presenza e la voglia di essere parte del finale di stagione  di tutti.
Ora testa alla Scafatese 1922, perché oltre le motivazioni c’è ancora la speranza che il pizzetto del nueve costiero sia quello del pichichi di stagione.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!