I Giovanissimi del San Vito aggrediti a Pimonte

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

tifosi_positanoVile aggressione ai ragazzi e alla società del San Vito Positano, avvenuta quest’oggi al San Michele di Pimonte. I giovanissimi della “pistrice” costiera, allenanti da Antonio Guarracino, sono scesi in campo contro la Real Piemonte. Dopo un primo tempo terminato col vantaggio dei padroni di casa, si ritorna negli spogliatoi in un clima teso. Proprio durante la sosta il segretario Sansone e il dirigente De Martino, hanno segnalato all’arbitro (sedicenne) la presenza negli 11 avversari di un giocatore non tesserato con la medesima società e di età maggiore alla categoria in questione.

Dopo la segnalazione, l’abito ha agito secondo la prassi, facendo delle foto e segnalando l’accaduto.

Durante lo svolgimento di tali operazioni, la partita non è ripresa, poiché i ragazzi gialli rossi sono stati bloccati negli spogliatoi. Nello stesso spogliatoio sono poi entrate persone estranee che si sono fiondate prima sul dirigente positanese poi sul segretario Sansone. I ragazzini del Positano hanno iniziato a piangere ed urlare per lo spavento. Subito sono state allertante le Forze dell’ordine dai genitori dei giovani atleti costieri. I due dirigenti aggrediti hanno riportato diverse contusioni, l’accompagnatore de Martino ha riportato la frattura del braccio, mentre il segretario Sansone è sotto osservazione all’ ospedale San Leonardo di C.mare di Stabia in attesa di ulteriori accertamenti. Una volta giunte sul posto,  le Forze dell’ordine hanno permesso ai  ragazzini di Positano di uscire dallo spogliatoio e raggiungere le famiglie che sono state scortate all’uscita dal campo, fino alla statale.

Ufficio Stampa Asd San Vito Positano

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!