Verso Mariglianese – Massa Lubrense | Aldo Papa: “Credo che il Massa verrà qui per vincere, ma troverà una Mariglianese agguerrita che non regalerà nulla”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

papa
Mancano ormai soltanto 180 minuti al termine del Campionato di Eccellenza e tanti verdetti sono ancora da scrivere. Il Massa Lubrense cerca 3 punti fondamentali in chiave play-out sul campo della Mariglianese, squadra molto ostica guidata da un allenatore esperto e preparato come Aldo Papa. Guidati dal top-scorer Sacco, la squadra vesuviana tra le mura amiche vanta un ruolino di marcia invidiabile: 3 vittorie e 5 pari nelle ultime 9 gare, con l’unica sconfitta giunta proprio nell’ultima gara al Comunale di Brusciano. Un 2-3 contro il Sant’Antonio Abate che ha lasciato molti strascichi, deciso da un rigore alquanto dubbio accordato a tempo scaduto. Non sarà una gara facile, ma i nerazzurri hanno abituato i propri tifosi a prove di grande carattere e determinazione, e le motivazioni dovranno fare la differenza in una gara chiave per blindare il play-out da disputare a maggio nell’impianto di Via Arenaccia. 

La Mariglianese, a 2 giornate dalla fine, è già salva a quota 36 punti guadagnandosi così la permanenza in Eccellenza per la 4° stagione consecutiva. Qual è il suo bilancio a 180 minuti dal termine del campionato?

“In effetti lo scontro diretto in programma domenica prossima tra Scafatese 1922 e Sant’Antonio Abate ci permette di festeggiare questo traguardo in anticipo. Al di là di questo, credo che sia giusto onorare il campionato fino alla fine come abbiamo fatto con tutte le squadre affrontate finora”.

Rendimento altalenante nell’ultimo mese. Dopo 2 vittorie contro Valdiano e Castel San Giorgio, la sconfitta rocambolesca contro il Sant’Antonio Abate a causa di un rigore allo scadere e quella prevedibile contro il Fc Sorrento. Domenica ci si attende un’altra sfida ostica, contro un Massa Lubrense voglioso di blindare la miglior posizione in chiave play-out.

“Sono tutte partite che hanno una storia diversa. Le due vittorie contro Valdiano e Castel San Giorgio sono state fondamentali in chiave salvezza, mentre la sconfitta a Sorrento poteva essere messa in preventivo. Onestamente mi è dispiaciuto tantissimo perdere contro il Sant’Antonio Abate, match nel quale siamo passati per due volte in vantaggio, ma costretti a capitolare a causa di un rigore inesistente decretato dall’arbitro al 92’.  Contro il Massa Lubrense sarà una partita difficilissima perché i costieri hanno fatto benissimo dall’avvento in panchina di Giulio Russo, grande conoscitore di questa categoria. È una squadra che può contare su un organico importante, i cui 6/7 undicesimi l’anno scorso hanno disputato un campionato con l’obiettivo di raggiungere la Serie D. Avranno sicuramente grandi motivazioni, ma le nostre non saranno inferiori, perché siamo intenzionati a chiudere nel migliore dei modi questa stagione”.

Nonostante una classifica condizionata da un pessimo avvio, la squadra guidata da Giulio Russo è una delle più in forma del girone di ritorno: 1 sola sconfitta nelle ultime 10 gare contro la capolista Città di Nocera. Che tipo di partita si aspetta?

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

“Credo che il Massa verrà qui per vincere e fare di conseguenza un passo importante per disputare il play-out in casa. Domenica c’è un ulteriore scontro diretto tra Valdiano e Castel San Giorgio, per cui in caso di vittoria sul nostro terreno e con la sfida casalinga contro il San Tommaso all’ultima giornata credo i costieri abbiano  molte chance di raggiungere il proprio obiettivo. Non avranno però vita facile, perché troveranno una Mariglianese agguerrita che non regalerà niente a nessuno”.

Ultima partita della Mariglianese tra le mura amiche. Prima del ko contro il Sant’Antonio Abate 3 vittorie e 5 pari nelle precedenti 8 gare, tra cui il 3-3 contro il Fc Sorrento. Segno che strappare un risultato positivo al Comunale di Brusciano è impresa ardua.

“La Mariglianese, per tradizione, è una squadra che lotta e combatte in tutte le partite ed ha il vantaggio di un gruppo consolidato da anni. Non a caso io sono alla guida di questa squadra da ben 7 anni, quando ancora militava in Prima Categoria. I nostri avversari sanno che venire a giocare a Brusciano non è mai una passeggiata, sia per tradizione che per struttura fisica e mentale della squadra. Personalmente ritengo che se una squadra non suda e corre più degli avversari difficilmente ottiene risultati, ed è proprio per questo che lo spirito guerriero si rivela uno dei nostri punti di forza”.

I numeri parlano di una Mariglianese molto equilibrata con una differenza quasi pari tra reti fatte e subite. Balza però agli occhi che 23 gol sui 35 totali, e addirittura ben 17 delle 21 reti subite in casa sono giunte nei secondi 45 minuti di gioco. Tanti i punti persi nei minuti finali, c’è forse qualche rammarico analizzando queste statistiche?  

“Onestamente siamo un po’ creditori con la fortuna perché abbiamo perso tantissimi punti al novantesimo. Non voglio entrare nei dettagli, ma quest’anno tanti arbitraggi sono stati a dir poco vergognosi e ci hanno tolto diversi punti, soprattutto in casa. Rigori gratuiti, situazioni che neanche l’osservatore degli arbitri riusciva a spiegare. Nonostante ciò, la Mariglianese ha fatto il suo campionato senza sfigurare e schierando una squadra più giovane rispetto alle stagioni precenti, eccezion fatta per alcuni calciatori esperti quali Mollo, Andres, Biancardi De Biase e Loreto. Abbiamo poi un bel gruppo di ’92 e ’93 insieme a tanti giovani che gravitano stabilmente nell’orbita della prima squadra”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!