Dominio Folgore, 3-0 al Gioia del Colle

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

snav-gioiaÈ una Folgore Massa devastante a tratti quella che intasca tre punti contro Gioia.
Un 3-0 senza repliche, preciso e pungente come il braccio di Palmeri che ruota a mille.
Un sestetto quello biancoverde nel quale Aprea fa girare bene palla, tenendo in caldo le bocche da fuoco costiere. Sette, al compleanno, si esalta in battuta, mentre Falaschi tira fuori colpi d’artista.
In un amen la Snav Folgore Massa scappa. Al tempo tecnico è avanti 8-3. Pugliesi fallosi, costieri presenti e col braccio caliente in attacco.
La parte centrale del primo set vede i padroni di casa staccare la spina, gli ospiti essere meno fallosi ed il gap diminuire. Al secondo tempo tecnico il divario è di soli tre punti (16-13).
Il margine i biancoverdi lo riconquistano con muro e difesa costringendo Gioia al time out sul 21-16. Dalla linea dei 9metri due aces di Sette chiudono il parziale sul 25-17.20160228_194241
Il forte vento di scirocco fa saltare il banco, lieve black-out e siesta prima del secondo parziale.
La sosta frena la Folgore che parte piano e deve rimontare sino al 8-6 con cui si va al primo time out tecnico del secondo set. Costieri incostanti. Come degli alunni di talento si specchiano nelle belle cose e consentono ai pugliesi di tenere il gap sotto controllo. Infatti, al rientro dal tempo tecnico arriva il black out nella mente e nel gioco dei padroni di casa. Gioia ne approfitta e fissa il risultato sul 17 pari. Esposito corre ai ripari chiamando time out.

Lauro, Paolone e Sette con la torta per festeggiare i rispettivi compleanni

Lauro, Paolone e Sette con la torta per festeggiare i rispettivi compleanni

E’ il segnale. La Folgore si scatena è chiude 25-21.
Il 17pari del secondo set rappresenta il campanello d’allarme che suona nel terzo parziale.
La partenza è più equilibrata. Cala l’attenzione nei biancoverdi sale la voglia di continuare a giocare dei bianco rossi. Il tutto porta alll’8-6 con cui si va al tempo tecnico. Il margine che costruisce con sacrificio, la Folgore lo dilapida con sciatteria. Gioia cresce, tiene negli scambi più lunghi e spettacolari della gara e mette il naso avanti al secondo tempo tecnico (15-16).
La Folgore manco a dirlo la ribalta (18-16), i pugliesi vanno al time out. Esposito manda dentro Miccio per Cuccaro in battuta ed è subito l’ace del 21-18 a cui fa il pari un muro e fuori per il +4.
Gioia non ci sta aumenta l’intensità e mette dentro due punti. Esposito vuole pensarci su, siamo 22-20, e chiama il minuto di sospensione. 60 secondi salutari, perché i bianco verdi entrano decisi e sul 23-20, con un muro contestato arrivano al match ball grazie ad un rosso che si beccano i pugliesi. Gioia si salva, poi Palmeri la chiude facendo scoppiare la festa per il triplice compleanno del dirigente Paolone, dello schiacciatore Sette e del centrale Lauro.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!