Alla Gimel non riesce il double, tonfo a Napoli

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

gimel_sNon riesce a centrare il double la Gimel Sant’Agata che esce con un punto da Napoli al cospetto della Caffè Partenope. Dopo lo scalpo del Pastena, conquistato alla Pulcarelli solo sette giorni fa, a Napoli un brutto tonfo. Un tonfo figlio della classica giornata no.
Una gara che poteva far fare il significativo passo in avanti alla compagine costiera.
Un match iniziato male e finito peggio quello contro le partenopee.
Un approccio monstre che permette alla Caffè Partenope di scappare avanti di due set.
Non funziona la coppia di fondamentali muro-difese nelle bianco blu. Mister Nica è costretto a cambiare. Dentro le giovani e panchina per le esperte del gruppo. È la mossa che permette alla Gimel di tornare in corsa.
25-21, 25-19 sono i parziali con i quali le giovani pallavoliste della penisola rimettono la contesa in equilibrio.
La voglia di portare a casa tre punti a tutti i costi fa mancare la lucidità. La fluidità del gioco ne risente e sul più bello qualche cosa si inceppa. Infatti, ad un amen dalla fine con due punti di vantaggio (11-13), la Gimel ingrana lo stallo.
Mai opzione fu più fatale. La Caffè Partenope rientra e centra il sorpasso per 16-14.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!