Us Scafatese – Massa Lubrense 0-2 | Giulio Russo: “Partita splendida, alleno una squadra forte che ha soltanto bisogno di credere nelle proprie possibilità”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

12644966_1132511693437901_9193377438292863305_nVola il Massa Lubrense, che procede a vele spiegate verso la zona alta dei play-out. Seconda vittoria consecutiva, porta inviolata da 260 minuti, ma soprattutto un passo importante sul piano della classifica con il Valdiano alle spalle ed il Castel San Giorgio agganciato a quota 19 punti. Giulio Russo è visibilmente soddisfatto in sala stampa per un match interpretato alla perfezione al cospetto di una delle squadre più in forma del girone di ritorno

Seconda vittoria consecutiva dopo il 2-0 rifilato all’Ebolitana. Confermando modulo e interpreti, il risultato non è cambiato. Solita compattezza difensiva con la squadra che non ha quasi mai sofferto.

“A parte Vitiello, che era uscito per infortunio contro l’Ebolitana e sostituito proprio da Altieri, ho deciso di confermare in blocco la squadra che aveva fatto benissimo e vinto contro la compagine eburina. La difesa non ha commesso sbavature, il centrocampo ha mantenuto bene le distanze ed in attacco abbiamo creato almeno 6/7 limpide occasioni da gol non concretizzate per imprecisione o bravura del portiere Gallo. Siamo però riusciti ad andare a segno per 2 volte per cui va benissimo così. È stata una vittoria importante per la classifica, ma soprattutto per il morale dei miei ragazzi che stanno iniziando a credere nelle proprie possibilità”.

Le motivazioni hanno fatto la differenza. È scesa in campo una squadra affamata dal primo all’ultimo minuto ed il risultato non poteva che premiare i tuoi calciatori.

“Ho ripetuto ai ragazzi nello spogliatoio che affrontavamo una squadra ostica, ben messa in campo, da affrontare con la stessa cattiveria di sabato scorso. Dobbiamo mantenere però i piedi per terra perché non abbiamo fatto ancora nulla: abbiamo recuperato una posizione ma siamo ancora in piena lotta per la zona alta dei play-out. È importante fare un filotto di vittorie per non vanificare quanto riusciamo a fare la settimana precedente e sono convinto che se fame e grinta saranno sempre le stesse i risultati arriveranno perché la squadra non merita la classifica che occupa”.

Hai vinto la partita anche a livello tattico. A inizio ripresa, con l’Us Scafatese sotto di un gol, Amarante ha fatto entrare Romano e Mandica passando al 4-3-1-2 con Ferrentino dietro Maione e lo stesso Romano. Per bloccare le iniziative dell’elemento più talentuoso andava Altieri a prenderlo più basso o scalava De Stefano sulla destra, visto che il fantasista tendeva a rientrare sul mancino per far partire il suo pericoloso tiro a giro. In questo modo hai provveduto a renderlo quasi inoffensivo

“L’Us Scafatese ha iniziato con il 3-5-2 al quale io opponevo il 4-3-3. Dopo essere passati in vantaggio ho abbassato Marino sulla linea dei centrocampisti perché Ferrentino era uno che si abbassava molto a ricevere palla e potevamo andare un po’ in difficoltà tra le linee. Ho optato per giocare a 4 dandogli un riferimento sia dalla parte destra che sinistra con Gargiulo e Altieri, spostando a sinistra De Stefano, che è un calciatore duttile ed esperto che può giocare dappertutto.”

Con 13 punti in 8 gare, il Massa sarebbe 5° nel girone di ritorno, preceduto soltanto da Città di Nocera, Fc Sorrento, Montesarchio e proprio Us Scafatese. Cosa sei riuscito a cambiare nella testa dei calciatori?

“È esattamente così. Sto lavorando tantissimo sul piano mentale, perché alleno una squadra forte che ha soltanto bisogno di credere nelle proprie possibilità. A mio parere ci sono ragazzi che sono sprecati in Eccellenza, e non avrebbero alcun problema a giocare in Serie D. Purtroppo quando i risultati non arrivano, il morale inizia a risentirne irrimediabilmente. Ho cercato soltanto di accrescere in loro l’autostima, facendoli sentire superiori agli avversari ed i progressi son stati subito evidenti sul terreno di gioco. Carico i miei ragazzi all’inverosimile, poi il resto lo fanno loro. Oggi hanno fatto una partita splendida, giocando palla a terra come voglio io ed esprimendosi alla perfezione su un terreno di gioco che favoriva le nostre caratteristiche. Da martedì inizieremo a preparare la sfida contro il Montesrachio, squadra molto insidiosa che nonostante una classifica tranquilla non regala nulla, come dimostra il successo ottenuto oggi contro il Fc Sorrento”.      

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!