Continua il momento no dell’Atletico Sorrento: anche il Real Agerola passa all’Evergreen

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

12033549_10208591764982263_1779250672_nContinua il periodo negativo in casa Atletico Sorrento. La formazione costiera, impegnata contro il Real Agerola Futsal, incappa nella quarta sconfitta consecutiva, seconda di fila tra le mura amiche del campo “Evergreen” di Meta. Un filotto terribile che fa suonare il campanello d’allarme in casa biancoazzurra: dopo aver sognato i play – off grazie ad un ottimo girone di andata, la realtà ora vede i costieri occupare la quint’ultima posizione, ultima degli spareggi per non retrocedere, seppur ad appena quattro punti dalla quinta piazza, che assicurerebbe la disputa delle sfide post season per la promozione in serie C1. Classifica corta ma pericolosa, quindi, che impone ai ragazzi del presidente Carlo Gargiulo un repentino cambio di passo già a partire dalla prossima trasferta in casa dei napoletani del Chiaiano, penultimi in graduatoria.

LA GARA – Lo 0-3 con cui la formazione agerolina torna sui monti Lattari è un risultato che punisce oltremodo un Atletico Sorrento ben messo in campo, ma incredibilmente sciupone in fase di realizzazione: le tante occasioni da rete sprecate dai biancoazzurri, unite all’ottima prova del portiere ospite Mansi, sono la chiave di lettura di un match equilibrato per lunghi tratti che ha visto l’Agerola uscire vincitore grazie ad una buona dose di fortuna e, soprattutto, alla capacità di controllare le frequenti sfuriate dei costieri ed approfittare delle poche fasi di stanca della sfida per piazzare gli affondi decisivi.

L’avvio del match è tutto ad appannaggio dei padroni di casa: dopo cinque minuti, infatti, un azione di contropiede sull’asse dei Maresca mette Raffaele nell’occasione di segnare a portiere battuto, ma l’attaccante biancoazzurro è poco convinto e da due passi sciupa. Due minuti più tardi ancora Raffaele Maresca viene atterrato in area al momento del tiro, ma l’arbitro, incredibilmente, ravvisa un inesistente simulazione del classe 1988 e lo ammonisce tra lo stupore generale del folto pubblico presente a bordo campo. La prima sortita offensiva degna di nota dell’Agerola arriva al 17’ e porta la firma di Buonocore, la cui conclusione è però respinta da un attento Vinaccia. Un minuto dopo è il Sorrento a rendersi pericoloso, ma prima Bagnulo e poi De Vivo trovano in Nastri un muro invalicabile. Al 24’ arriva il vantaggio degli ospiti su azione di contropiede rifinita da Mascolo e conclusa da Nastri, il cui destro passa tra una selva di gambe e non lascia scampo a Vinaccia. L’occasione per riacciuffare il pareggio si presenta nell’azione successiva: servizio di Inserra per Marcia che da distanza ravvicinata non trova incredibilmente lo specchio della porta.

La ripresa si apre subito con una conclusione di Raffaele Maresca dopo meno di un minuti su cui Mansi è attento, poi è l’Agerola a sfiorare il raddoppio al 4’: Nastri serve in verticale Biagio Coccia, il cui sinistro in diagonale scheggia la traversa. Tre minuti dopo è ancora il portiere agerolino a rendersi doppiamente protagonista, prima sul tiro da distanza ravvicinata di Giuseppe Maresca, poi su quello di Raffaele Maresca che sulla ribattuta del pipelet ospite pareggia il conto dei legni. Le continue occasioni da ambo le parti e probabilmente vecchie scorie non risanate tra alcuni dei protagonisti in campo contribuiscono a far sì che il match si accenda anche sotto il profilo emotivo: a farne le spese, all’11’, è Buonocore, che termina anzitempo la sua partita per un calcetto rifilato a De Vivo a gioco fermo. L’Atletico Sorrento, però, non riesce a sfruttare la superiorità numerica fallendo due ghiotte occasioni con Apreda e Cuccaro. Il predominio costiero appare netto anche successivamente ma, al 20’, la dea bendata bacia l’Agerola che trova un raddoppio insperato: Mascolo batte un fallo laterale forte e teso al centro, la sfera carambola sullo stinco di Apreda e s’insacca. Sotto di due reti, gli uomini di mister Mario Russo provano a gettare il cuore oltre l’ostacolo, ma al 25’ è ancora un superbo Mansi a dire di no a Raffaele Maresca, liberatosi al tiro dopo una serpentina tra tre avversari. Lo 0-3 ospite che chiude definitivamente la partita arriva al 29’ con un tiro libero di Biagio Coccia che Vinaccia riesce solo a sfiorare. Un minuto dopo la formazione sorrentina ha l’occasione di rendere meno amara la pillola, ma dai dieci metri De Vivo calcia addosso a Mansi.

ATLETICO SORRENTO – REAL AGEROLA FUTSAL 0-3

Marcatori: 24’ p.t. Nastri; 20’ aut. Apreda, 29’ Coccia Biagio II

ATLETICO SORRENTO: Vinaccia, Bagnulo, Maresca G, Maresca R, De Vivo; Marcia, Cuccaro, Inserra, Persico, Russo A, Ferraiuolo, Apreda. All: Russo M.

REAL AGEROLA FUTSAL: Mansi, Mascolo, Coccia A, Coccia Biagio II, Nastri; Florio, Medaglia, Buonocore, Scudieri, Casanova, Coccia Biagio I. All: Tramontano.

Arbitro: Francesco Cardone di Agropoli.

Note: ammoniti: Maresca R. (S), Coccia A. (A), Coccia Biagio I (A); espulso: all’11’ s.t. Buonocore (A) per comportamento anti sportivo; falli: 4-4 primo tempo, 6-6 secondo tempo; recuperi: 0’ primo tempo, 2’ secondo tempo; presenti circa 50 spettatori.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!