Speciale derby FC Sorrento – Massa Lubrense|Ferraro: “Voglio riportare questa piazza in Lega Pro. Auguro una carriera importante all’amico Russo”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

giovanni ferraroVigilia di derby in casa Football Club Sorrento. Domani pomeriggio, con fischio d’inizio fissato alle ore 15.00 allo stadio “Italia”, i rossoneri affronteranno il Massa Lubrense dell’ex Giulio Russo. Come di consueto, facciamo il punto della situazione in casa costiera con l’allenatore Giovanni Ferraro.

In settimana è arrivato l’attestato di stima del presidente Paolo Durante nei confronti dell’ottimo lavoro svolto sinora alla guida del Football Club Sorrento. Sapere di avere la piena fiducia di tutta la compagine societaria è uno sprone in più per continuare a fare bene?

Innanzitutto, mi preme ringraziare il presidente Durante per le belle parole  e per i tentativi che in passato, tra i professionisti, ha fatto per affidarmi la panchina rossonera. All’epoca, forse, i tempi per il mio ritorno da allenatore non erano ancora maturi e per questo non se ne fece nulla. Essere consapevoli di essere stimato in questo modo sicuramente mi riempie d’orgoglio, ma prima delle soddisfazioni personali vengono quelle collettive e per tale motivo spero vivamente che la piazza di Sorrento torni quanto prima in Lega Pro: lo meritano tutta la dirigenza e lo sponsor MSC per i grossi sacrifici che stanno facendo da inizio anno. Ovviamente, auspico che possa essere io a portare quest’ambiziosa società verso un traguardo così importante. Allo stesso modo, l’obiettivo dev’essere quello di far riavvicinare i tifosi alla squadra: ricordo il calore che la tifoseria mi trasmetteva quando, da giocatore, vincemmo il campionato di D e, conoscendo quello che i supporters costieri possono dare, credo fermamente che il progetto di un Sorrento vincente passi inevitabilmente dalla spinta di tutta la penisola”.

Domani è in programma il derby casalingo con il Massa Lubrense. I nerazzurri, seppur in una situazione di classifica difficile, nelle ultime uscite hanno dimostrato di essere in salute e rappresentano, quindi, un avversario sicuramente da non prendere con le molle. Quali insidie nasconde secondo te questa sfida?

Ho assistito in più di un’occasione alle gare del Massa Lubrense ed ho sempre visto una squadra viva, che non è assolutamente degna di occupare una posizione di classifica così mortificante. Tanto del merito di questa situazione va sicuramente attribuito a Giulio Russo che, seppur all’esordio in panchina, ha saputo subito inculcare alla sua formazione quelle qualità che gli hanno permesso di fare bene da calciatore in questa ed in categorie superiori. Oltretutto, vantano una rosa con elementi di grande affidamento: su tutti penso all’ex Di Donna ed a Breglia. Essendo anche un derby, credo che questa sia una di quelle sfide in cui la classifica dell’avversario non va assolutamente presa in considerazione: il Massa, giustamente, verrà a giocarsi la sua gara con il coltello tra i denti e noi dovremmo essere pronti a rispondere con le stesse armi”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Oltre all’interesse legato al derby, tanta curiosità attorno a questa sfida deriva proprio dal ritorno di Russo allo stadio “Italia” seppur da avversario. Una squalifica rimediata nell’ultima sfida interna con il Sant’Antonio Abate gli impedirà, però, di sedersi sulla panchina nerazzurra in una sfida che sotto il profilo emotivo rappresenta sicuramente tanto per il tuo ex compagno di squadra. Da questo punto di vista, come vivrai questo duello a distanza?

Con Giulio siamo amici anche fuori dal campo e mi dispiace non possa vivere da protagonista una giornata così intrinseca di emozioni. Gli auguro di avere una carriera importante da allenatore, ed in tal senso ha già avuto un inizio brillante perché non è assolutamente semplice riuscire a trovare una panchina subito dopo aver smesso di giocare. Poi, avendo avuto un’esperienza importante sul campo, ha sicuramente un vantaggio nella gestione dello spogliatoio: avendo vissuto sulla sua pelle determinate situazioni, saprà sicuramente leggere meglio di altri nella mente dei suoi calciatori e riuscirà a tirarne fuori il meglio”.

A questa gara il tuo Sorrento arriva in estrema salute, ma con Gargiulo e Temponi squalificati. Come hai visto la squadra in quest’ultima settimana?

Stiamo bene e le assenze di Gargiulo e Temponi non m’impensieriscono particolarmente perché ho una rosa ampia, formata da calciatori con una mentalità eccelsa: tutti i componenti della rosa hanno compreso pienamente la bontà del progetto di questa società e, come me, vogliono dimostrare in ogni modo di esservi all’altezza. Per questo, mi devo complimentare soprattutto con chi nell’ultimo periodo è andato prevalentemente in panchina o in tribuna, in quanto non ha mai palesato alcuna defaillance emotiva perché ha compreso che l’obiettivo principale è quello comune, al di là di chi è chiamato a scendere in campo. Sono quindi tranquillo: qualsiasi sia l’undici che sceglierò domani, oltre a garantirmi qualità tecniche e tattiche, ho la consapevolezza che sotto il profilo mentale saranno tutti concentrati nel raggiungimento dell’obiettivo della vittoria”.

Dopo la sfida di domani comincerà un incredibile tour de force, con il Sorrento atteso ad un filotto terribile: Ebolitana, US Scafatese, Montesarchio, San Vito Positano e Città di Nocera, ovvero le squadre che attualmente occupano dalla seconda alla sesta piazza. E’ questo il periodo in cui si decideranno le sorti del campionato?

“Il momento chiave è solo ed esclusivamente quello di domani, pensare a lungo termine potrebbe essere solamente deleterio. Dalla settimana prossima penseremo alla trasferta di Eboli, poi alla sfida con la US Scafatese e così via. Allo stesso modo, credo che non sarà la sfida del “San Francesco” quella in cui si decideranno le sorti del campionato perché prima dello scontro diretto sia noi che il Città di Nocera avremo tutte sfide difficili da affrontare perché è risaputo che nel girone di ritorno è sempre difficile riuscire a strappare punti su determinati campi”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!