Folgore Massa, l’analisi di Ruggiero:”Andata positiva”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
L'analisi di Fabrizio Ruggiero, direttore sportivo della Folgore Massa

L’analisi di Fabrizio Ruggiero, direttore sportivo della Folgore Massa

“A Locorotondo una gara iniziata male e finita peggio”.
A parlare è il direttore sportivo della Folgore Massa, Fabrizio Ruggiero.
Il dirigente, ed ex capitano dei costieri, analizza la trasferta pugliese nella quale la Snav Folgore Massa è uscita sconfitta per 3-0.
“Falaschi ko nel riscaldamento, Lauro a letto per una bronchite, altri non al top e cambi risicati” spiega, “Non sia da scusante, ma qualche rotazione in più avrebbe aiutato”.
Un match tirato contro una diretta concorrente per la permanenza in B. Una gara in cui “Hanno meritato loro, perché hanno giocato alla morte e con la ferrea determinazione di chi vuole raggiungere l’obiettivo”.
Non c’è solo l’avversario a voler voluto i tre punti, ma anche “Un peccato di presunzione”, tuona Ruggiero, “Era un test di maturità e noi lo abbiamo fallito”.
Al giro di boa la Folgore ha 20 punti, un buon margine sulla zona retrocessione, ma non la certezza di avere già staccato il pass per la conferma in B. Ruggiero analizza il girone di andata della Folgore alla prima oltre i confini regionali.
“Il lavoro tecnico è positivo. Allenare una squadra nuova ha una sorta di periodo di apprendistato”, analizza, “La personalità si può allenare poco, o c’è, o no. Forse noi pecchiamo in questa caratteristica”.
Non solo il lavoro in palestra, ma anche aver osservato gli avversari in ogni gara.
“Abbiamo affrontato tutti e se giochiamo con lo spirito di squadra che si deve avere possiamo fare un ottimo girone di ritorno. Il bilancio resta positivo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!