Verso Massa Lubrense – Sant’Antonio Abate | Vincenzo Altieri: “Da sabato non sono più ammessi passi falsi: bisogna vincere”

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

12439072_1125339144155156_8491114473840240682_n

La ferita di domenica scorsa è ancora aperta, ma i ragazzi fin dal primo allenamento dello scorso martedì stanno trasformando la delusione in rabbia e determinazione. Perchè in fondo il calcio ogni settimana concede una nuova opportunità e la truppa del condottiero Giulio Russo attende con frenesia il calcio d’inizio per riscattarsi immediatamente in uno scontro diretto di fondamentale importanza contro il Sant’Antonio Abate. Vincenzo Altieri, come tutti i suoi compagni, è molto carico ed ha voglia di regalare ai propri tifosi una nuova gioia, dopo il 2-1 al Valdiano di 14 giorni fa. Il centrocampista classe ’94 è il faro del centrocampo nerazzurro, con l’importante compito di illuminare la manovra e trovare il varco giusto per mettere gli attaccanti nelle migliori condizioni per gonfiare la rete. Titolare inamovibile in 11 delle ultime 12 gare, complice la squalifica di Buonomo a Castel San Giorgio è diventato il calciatore con il più alto minutaggio a quota 1235. Analizziamo con lui il fondamentale scontro salvezza in programma sabato pomeriggio. 

Partiamo da Castel San Giorgio. Una partita dominata nel primo tempo, controllata senza patemi nella seconda frazione di gioco e persa nei minuti finali senza subire alcun vero tiro in porta. Una vittoria sfuggita via senza alcuna logica.  Cos’è successo a tuo parere?

“Credo che abbiamo disputato un primo tempo di livello straordinario, chiuso in vantaggio di una rete mettendo in pratica tutte le direttive che ci aveva impartito il mister. Poi nella ripresa un progressivo calo fisico, unito alla paura di non riuscire a portare a casa il risultato ha fatto sì che perdessimo addirittura la partita ed è stata tutta colpa nostra. Dispiace perché tutti i risultati delle dirette concorrenti sarebbero stati favorevoli in caso di vittoria. Ora non dobbiamo mollare, ma continuare a produrre gioco e soprattutto riprendere a far punti già da sabato”.

Rabbia, voglia di reagire e non mollare mai. Con questo spirito avete affrontato la settimana che porta al prossimo match di campionato.

“Assolutamente sì. Rabbia e voglia di vincere, lottare non devono mai mancare nel nostro spogliatoio altrimenti non si va da nessuna parte. Il mister ci ripete in continuazione che ci vogliono fame e cattiveria per vincere le partite e domani non mancheranno di certo”.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

Il calendario dà subito l’opportunità di rifarsi. Al Cerulli arriva il Sant’Antonio Abate in un altro scontro diretto da vincere e, come contro il Valdiano, il Cerulli dovrà essere un fattore determinante.

“Sarà una gara molto complicata perché il Sant’Antonio Abate lotta come noi per mantenere la categoria, anche se si trova in una posizione di certo più favorevole. Sabato entreremo in campo con gli occhi della tigre per fare bottino pieno ed allontanarci da una posizione di classifica che non meritiamo”.

Che partita ti aspetti e cosa bisogna temere della squadra di Criscuolo?

“In questo momento gli avversari non mi interessano. Penso solo alla mia squadra e con una prestazione fatta di grinta e cattiveria agonistica riusciremo senz’altro a conquistare la vittoria”.

10 punti tra Massa e Scafatese 1922 rivelano una classifica molto corta. Tutto può ancora succedere, con il calendario che propone due scontri diretti proprio all’ultima giornata.  

“Finora abbiamo sbagliato troppe volte, e da sabato non saranno più ammessi passi falsi. Dovremo scendere in campo sempre per vincere, a prescindere dall’avversario. Poi tireremo le somme e si vedrà dove saremo arrivati”.

 

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!