Sant’Antonio Abate – Fc Sorrento 0-3, top & flop

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Ronaldo Vanin (foto Penna)

Ronaldo Vanin (foto Penna)

FRANCESCO SCARPA: La apre e la chiude lui la pratica Sant’Antonio Abate, portando a tredici il numero delle segnature personali in campionato. Il primo sigillo è tra i più semplici della sua avventura in rossonero: sulla pennellata di Vitale dal fondo, si fa trovare pronto sul secondo palo e appoggia in rete praticamente da due passi. Il secondo, in pieno recupero, lo vede scattare sul filo del fuorigioco sul servizio illuminante di Del Sorbo e trafiggere Prete con un diagonale chirurgico. Nel mezzo, tanto sacrificio in fase di copertura, una gestione oculata del possesso palla nella ripresa ed una delle sue proverbiali accelerazioni, nella quale lascia sul posto Perrella e serve un assist al bacio che Temponi dal limite dell’area piccola spreca.

FRANCESCO VITALE: Girone di ritorno da favola per l’attaccante nativo di Angri, alla terza realizzazione su altrettante gare disputate dopo il giro di boa. La sua quindicesima rete in campionato (che lo mantiene in vetta alla classifica marcatori seppur in compagnia di Carotenuto, autore di una tripletta nel poker rifilato dal Città di Nocera al Sorrento calcio) è un misto di astuzia e precisione: sul cross basso dalla destra di Esposito, anticipa l’avversario diretto con un guizzo e piazza il pallone all’angolino lì dove Prete non può arrivare. Per la troppa generosità, in un ripiegamento difensivo si becca un giallo che gli farà saltare la sfida interna contro il Faiano.

RONALDO VANIN: E’ tornato lo Speedy Ronnie ammirato nell’esperienza precedente in penisola sorrentina. Soprattutto nel primo tempo, infatti, ara la corsia di competenza con una facilità disarmante, risultando protagonista in occasione della seconda rete quando, con una delle sue proverbiali accelerazioni, apre in due il Sant’Antonio Abate e scarica sull’out per Esposito che piazza poi l’assist per Vitale. Neanche cinque minuti dopo si ripete, arrivando in slalom fino al limite dell’area piccola dove, però, trova Vitale ad ostacolarlo e ad impedirgli di segnare il tanto agognato primo gol in rossonero. In fase difensiva, poi, rasenta la perfezione, limitando il fumoso Siciliano che agisce prevalentemente dal suo lato.

Donovan Maury (foto Carmine Galano)

Donovan Maury (foto Carmine Galano)

DONOVAN MAURY: Insieme a Scognamiglio forma una cerniera difensiva praticamente inespugnabile, costringendo Santoriello ad agire lontano dal loro raggio d’azione per ricevere qualche pallone giocabile. Deciso al punto giusto in ogni intervento, è elegante e preciso anche nelle uscite palla al piede dove, con successo, sventaglia costantemente alla ricerca degli attaccanti esterni. L’unico neo di una partita che rasente la perfezione è la scivolata fallosa su Morella al limite dell’area che gli costa il giallo e regala l’unica vera occasione del Sant’Antonio Abate di tutta la sfida, sulla quale è però attento Santaniello che alza in angolo dopo la deviazione della barriera sulla conclusione di Siciliano.

FLOP:

GIOVANNI SERRAPICA: Per l’ex Sant’Agnello un netto passo indietro rispetto alla precedenti uscite, dove era stato costantemente tra i migliori. Sufficiente nella fase di non possesso, dove funge quasi da centrale aggiunto, è in quella d’impostazione che latita: quasi privo di idee, si appoggia spesso dietro o sui terzini, provando col contagocce la giocata in verticale.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!