Il Positano sfiora il colpaccio: con la Mariglianese un 2-2 che sta stretto ai giallorossi

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
Foto: Fabio Fusco

Foto: Fabio Fusco

Il San Vito Positano esce a testa alta dal “Comunale” di Brusciano, impattando 2-2 in casa di un’ostica Mariglianese, formazione in salute e reduce da ben otto risultati utili consecutivi. Per i giallorossi guidati da Antonio Guarracino un punto che sta stretto per la mole di gioco creata, ma comunque utile a far rimanere inalterato il distacco dall’Ebolitana terza in classifica, fermata sul pari in casa del Valdiano.

In un ambiente caldo che a tratti sfocia in una controproducente ostilità, i giallorossi, privi del capitano Cappiello, sostituito in cabina di regia da Macarone, partono col piede pigiato sul pedale dell’acceleratore, sfiorando il vantaggio prima con Vallefuoco che in piena area piccola, sugli sviluppi di una punizione laterale, manca il tap – in vincente, e successivamente con Simone D’Alesio che da buona posizione conclude di un soffio a lato. Al primo vero affondo, però, è la Mariglianese a trovare il gol dell’1-0 con Sacco che al 20’ con un taglio all’interno manda in tilt Macarone e D’Esposito e lascia partire un destro imparabile dai venticinque metri che non lascia scampo a Munao.  Il vantaggio momentaneo della Mariglianese dura, però, solo pochi minuti: a pareggiare i conti è infatti Vallefuoco che al 36’, sugli sviluppi di una punizione, approfitta di un’indecisione nell’uscita di Varone e firma l’1-1. Sul finire di frazione, gli uomini di Papa trovano il nuovo vantaggio ancora con Sacco che, lasciato solo al centro dell’area di rigore, appoggia in rete di testa un assist proveniente da calcio piazzato.

Dopo l’intervallo, il Positano torna in campo con un piglio diverso, tenendo in mano il pallino del gioco per buona parte della ripresa. Il forcing positanese è premiato al 62’, quando il direttore di gara vede un fallo in area ai danni di Vallefuoco, fischiando un calcio di rigore che Porzio trasforma per la sua nona segnatura in campionato. Trovato il 2-2, il Positano costruisce altre due ghiotte occasioni per fare il tris entrambe con Di Leva, entrato ad inizio ripresa, protagonista: l’ex Sant’Agnello prima scodella al centro un pallone sul quale né Fiorentino né Cifani riescono ad arrivare, poi trova la testa di Varone sul quale è provvidenziale la risposta di Varone. Di nervi e confusionaria è invece la reazione della Mariglianese che per tutta la ripresa non trova mai il varco giusto e non impensierisce Munao.

MARIGLIANESE – SAN VITO POSITANO 2-2

Marcatori: 20’ Sacco (M), 36’ Vallefuoco (P), 40’ p.t. Sacco (M); 17’ s.t. rig. Porzio (P)

Mariglianese: Varone, Piccolo, Falco, Andres, Biancardi, Forino, Sacco, Maione, De Biase, Romano, Antignani. A disp: Pignatiello, Marta, Massimo, Rea, Lumiero, Iazzetta, Monda. All: Papa.

San Vito Positano: Munao, Rega, D’Esposito, D’Alesio S, Vallefuoco, Esposito (dal 1’ s.t. Di Leva), Pisani (dal 1’ s.t. Coda), Macarone, Cifani (dal 35’ s.t. D’Alesio M), Porzio, Fiorentino. A disp: Longo, Cappiello L, Inserra, Pugliese. All: Guarracino.

Arbitro: Pasquale Mollo di Castellammare di Stabia (Garofalo/D’Ambrosio)

Note: ammoniti: Varone (M), De Biase (M), Biancardi (M), Forino (M), Pisani (P), D’Esposito (P); espulso: al 44’ s.t. Andres (M) per doppia ammonizione; calci d’angolo: 1-4; recuperi: 2’ primo tempo, 4’ secondo tempo.

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!