Basket, Pol.Sorrento: partita dai due volti contro Portici 2000

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  

 

polisportiva promozione  Il momento non è dei migliori ma quella vista in casa contro la  REALE MUTUA – Pol. Portici 2000 era una Polisportiva Sorrento più deconcentrata che allo sbando. Una partita enigmatica, strana e per certi versi quasi stregata per la formazione di casa che senza il suo play Giuseppe Esposito faceva interamente affidamento sulle doti balistiche dei suoi uomini perimetrali e sul fisico di Parvolo e Cascella. Ancora una volta la squadra costiera parte con la quinta ingranata, colpendo il Portici con ripartenze ordinate e qualche azione ben manovrata mettendolo all’angolo, mentre sul fronte opposto si dispone con la solita difesa non perfetta ma energica ed intensa. Sguanci sembra in serata (20 punti alla fine) e con qualche penetrazione delle sue aiuta la Polisportiva guidata da coach Savarese a mantenere un vantaggio, seppur esiguo, sulla formazione ospite che nonostante tutto non molla e cerca di rimanere attaccata alla partita più con i nervi che con azioni di puro gioco. I primi due quarti vanno in archivio con due note ben chiare: la Polisportiva vuole i due punti e li sta cercando con gioco rapido e corsa, il Portici gioca ma non è ancora in partita.  L’intervallo lungo dovrebbe essere la cura ad ogni confusione o incomprensione sul campo, ma al contrario, come in altre occasioni, si trasforma nel peggior nemico della squadra costiera.  Gli ospiti escono dalla pausa più rilassati e con idee chiare, mentre la Pol. entra molle e senza grinta. Nonostante lo shock, la partita sembra incanalarsi nuovamente sui binari della prima metà di gara grazie ad alcuni recuperi ed azioni finalizzate al meglio, ma è solo apparenza: da quel momento la formazione di casa sembra smarrire la via del canestro e non riesce a ritrovare quella concentrazione necessaria per avere la giusta cattiveria e chiudere la partita. A quel punto gli ospiti, capiscono il momento e con un parziale che taglia le gambe ai padroni di casa riescono a realizzare un colpo di coda fatale per le sorti del match e della Polisportiva. Né i time- out  e neanche le rotazioni riescono a trovare la chiave di volta di una partita che nonostante i tentativi della Pol., con qualche azione di puro agonismo, termina con il risultato di 49 a 67. Le parole del capitano Cascella però, lasciano trasparire rammarico ma anche fiducia per il futuro: “E’ un peccato per come è andata la partita sopratutto per i primi due quarti giocati, a mio parere, molto bene. Poi nel terzo quarto ci siamo sciolti come neve al sole, abbiamo subito il parziale e non ci siamo rialzati. Per me è un problema di testa, alla squadra dispiace molto questa prestazione perché nella settimana di allenamento ci siamo allenati proprio bene!!!La migliore cura è la vittoria. Ci rialzeremo!!!”. Il prossimo impegno sarà il recupero contro Trinità per una partita che si presenta quella della possibile svolta per ripartire e cercare di ritornare ad una  vittoria che manca ormai da troppo tempo.

 

Polisportiva Sorrento – Reale Mutua Portici 200 49 a 67

Polisportiva Sorrento: Sguanci 20, Rossi 6, Esposito D 0, Parvolo 8, Di Maio 2, Gargiulo M 2, Ardia 0, Cascella E 0, Cascella G 0, Gargiulo G 5, De Martino 6, Esposito A 0.

 

Reale Mutua Portici 2000: Scognamiglio, Fiorenza 1, De Masi 8, Di Rosa 12, Cicco 18, Capuano 12, Guarino M. 2, Milano, Galiero 4, Gallo 10, Guarino

Francesco Vazza

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  
I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione e la fornitura di annunci pubblicitari. Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per più approfondite informazioni ti invitiamo a leggere l'informativa estesa  



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

error: Stai cercando di copiare il testo di questo articolo? Ovviamente non hai il permesso per farlo, ma ti ritieni un grande giornalista... in fondo pensi di cambiare qualche parola, di toglierne qualche altra ed hai risolto. Appartieni anche tu a qualche importantissima testata locale che fa centinaia di visite sulla pelle di chi lavora? Magari vieni anche pagato, complimenti!!! Sei proprio un furbacchione tu ed il tuo direttore che te lo permette, abbiamo fatto in modo di renderti il lavoro un po\\\' arduo, abbiamo deciso di farti applicare 1 minuto in più per copiare!!!